In pubblicazione il 3 SET 2015

Climi aridi in aumento sul pianeta

Colpa del surriscaldamento dell'atmosfera da parte dei gas serra


Fonte Immagine: thinkprogress.org/climate

 

Uno studio fondamentale sulla rivista Nature documenta l'espansione di regioni a clima secco e semi-arido nel mondo dal 1950 ad oggi  e lo attribuisce al riscaldamento globale causato dall'uomo.

Questa espansione di zone siccitose del mondo era stata già prevista  dai modelli climatici. Il fatto è così ampiamente osservabile  sul globo il che significa che dobbiamo prendere sul serio le attuali proiezioni di diffusione  di climi aridi  sulla terra nei prossimi decenni.

Il nuovo studio, "i cambiamenti antropogenici  hanno indotto  significativi cambiamenti nelle  classificazioni climatiche dal 1950," è basato su  più set di dati di temperatura e le precipitazioni mensili  dal 1950 ad oggi.

Circa il 5,7% della superficie totale globale terra si è spostato verso i tipi di clima più caldi e secchi dal  1950 al 2010.

 Per quanto riguarda la causa ", troviamo che questi cambiamenti di tipo climatico dal 1950 non possono essere spiegati come variazioni naturali, ma sono guidati da fattori antropici."

In breve, gli esseri umani  hanno aumentato le zone climatiche aride e semi-aride nel mondo e l'espansione ha interessato soprattutto i climi continentali altamente popolati delle medie latitudini (dove, per esempio, vive la maggior parte degli americani).

Lo studio utilizza il sistema di classificazione climatica Köppen-Geiger:

A: Tropical / megathermal climi 
B: Secco (aride e semiaride) climi 
C: Temperate / climi mesotermico 
D: climi continentale / microterme 
E: Polar e climi alpini

La fig.1 mostra la attuale classificazione climatica del pianeta.


Fig.1 - Mappa dei regimi climatici del mondo. Il nuovo studio ha rilevato che  le zone secche (B) sono in espansione, mentre le zone polari / tundra (E) si stanno riducendo. Università di Melbourne via Wikipedia.

Lo studio esamina i cambiamenti di temperatura e precipitazioni per determinare le variazioni delle varie zone climatiche nel tempo. Una regione può passare alla classe B del clima se le precipitazioni scendono - o se la temperatura aumenta. Temperature più elevate infatti provocano una  maggiore evaporazione con conseguente essiccamento del suolo.

Gli autori notano che di tutti i loro risultati ", la caratteristica più evidente è una espansione mondiale della classe  B del  clima (principalmente semiarido) a scapito delle classi C e D clima alle medie latitudini" (vedi figura 2):

 

Fig.2 Tendenze lineari nella varie aree dei 5 principali tipi di clima nel periodo 1950-2003; gli asterischi indicano tendenze significative a livello 5%. 

In particolare, i ricercatori hanno scoperto che "l'aumento della temperatura e la diminuzione di precipitazioni sono ugualmente importanti nel causare l'espansione del clima semiarido in Asia e Nord America occidentale, mentre il contributo dato dal calo di precipitazione alla crescita del clima semiarido cr è molto più grande di quella delle sovratemperature  in Nord Africa, Sud Africa e Sud America. "

 

 

 



Fonte Articolo: JOE ROMM su http://thinkprogress.org/climate 3 SETTEMBRE 2015 08:00

ULTIMI ARTICOLI

18 NOV
Un’area depressionaria, in arrivo sul Mediterraneo occidentale attiverà temporali e venti di burrasca in arrivo sulle regioni centro-meridionali
17 NOV
Allerta meteo arancione per temporali e vento forte sulla regione Calabria
17 NOV
Si prevedono forti nevicate su vaste aree del sud-est asiatico e parte dell'Europa orientale
18 NOV
Scossa di magnitudo 4.0 in una zona nota
18 NOV
Atteso un picco di 120 centimetri
18 NOV
La città nuovamente colpita dal maltempo
17 NOV
Una perturbazione seguita da aria fredda è in evoluzione dall'Egeo verso ovest: oltre 100-150 mm di accumulo