In pubblicazione il 17 GIU 2015

Dissetare tutta l'umanità: un serio problema nel futuro

In sofferenza un terzo dei grandi bacini idrici sotterranei mondiali


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Due nuovi studi condotti  a cura della UC (Università della California)  con l'impiego di  dati  misurati dai satelliti della NASA mostrano che l'uomo sta rapidamente prosciugando alcuni dei suoi più grandi bacini di acque sotterranee.

Figura: Falde acquifere a rischio di prosciugamento (in tonalità marrone). Credit: UC Irvine / NASA

Il risultato è che una parte significativa della popolazione della Terra sta consumando le acque sotterranee in modo rapido, senza sapere quando potrebbe esaurirsi, concludono i ricercatori. I risultati appaiono oggi in Water Resources Research.

"Le misurazioni fisiche e chimiche disponibili sono semplicemente insufficienti", ha detto il professore e ricercatore principale dell'UC  Jay Famiglietti, che è anche lo scienziato acqua senior presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA."Visto quanto velocemente stiamo consumando le riserve sotterranee di tutto il mondo, abbiamo bisogno di uno sforzo coordinato globale per determinare quanta acqua vi è rimasta."

Per la prima carta, i ricercatori hanno esaminato 37 grandi falde acquifere del pianeta tra il 2003 e il 2013. Gli otto peggiori sono stati classificati come stress eccessivo, con quasi nessun rifornimento naturale per compensare il loro utilizzo. Altre cinque falde sono state trovate, in ordine decrescente, essere estremamente o stressato, a seconda del livello di riempimento in ciascuna di esse.

I più sovraccarichi si trovano nelle zone più aride del mondo, che attingono pesantemente dalle acque sotterranee. Il cambiamento climatico e la crescita della popolazione tendono a  intensificare il problema.


Il team di ricerca - che includeva co-autori della NASA, il National Center for Atmospheric Research, la National Taiwan University e UC Santa Barbara - ha rilevato che il sistema acquifero arabo, una fonte d'acqua importante per più di 60 milioni di abitanti, è  quella più sottoposta eccessive sollecitazioni.

La falda acquifera Indus Basin del nord-ovest dell'India e del Pakistan è la seconda più stressata , e il bacino del Murzuk-Djado in Africa settentrionale è il terzo. 

"Come stiamo vedendo in California in questo momento, ci affidiamo molto più pesantemente alle acque sotterranee durante i periodi di siccità", ha detto Famiglietti. "Nell'esaminare la sostenibilità delle risorse idriche di una regione, dobbiamo assolutamente tenere conto di questa dipendenza."

Lo studio rileva che la scarsità delle acque sotterranee sta già portando a altri significativi danni ecologici, come l'impoverimento dei fiumi, il calo della qualità delle acque e il cedimento del suolo.

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

22 OTT
Dopo questo primo cambio di registro, in cui ci sarà un po’ di tempo per respirare, ne arriverà uno più profondo nella giornata di venerdì
satellite alla ore 16.00 di  domenica 21 ottobre
21 OTT
Prudenza, soprattutto su regioni del medio Adriatico e al Sud
21 OTT
Calo termico e prima neve sull'Appennino centrale
22 OTT
In 50 minuti tre scosse di magnitudo oltre il sesto grado
22 OTT
Una fenomenologia sempre più accentuata dal riscaldamento globale ormai fuori da ogni logica