In pubblicazione il 16 OTT 2015

El Niño 2015: milioni di persone rischiano la morte per fame

Secondo un rapporto appena pubblicato da Oxfam


Fonte Immagine: http://thinkprogress.org/climate

 

In  tutto il mondo, l'incombente minaccia di El Niño potrebbe causare la morte  milioni persone per fame a causa dei danni apportati alla produzione agricola e  alla mancanza di acqua per siccità in molte regioni del globo.

Alcuni meteorologi ritengono che quest'anno di El Niño potrebbe anche più forte dell'evento del 1997-1998  quando si stima che abbia causato la morte di migliaia di persone.

Già adesso la siccità lungo la costa orientale dell'Africa ha lasciato milioni di persone senza cibo. In Etiopia, le piogge scarse hanno costretto circa 4,5 milioni di residenti a chiedere aiuti alimentari, mentre in Malawi, dapprima le inondazioni e poi la siccità hanno tagliato il raccolto di granturco da più di un quarto, minacciando la vita di due e tre milioni. La siccità ha ridotto raccolto di mais dello Zimbabwe da più di un terzo, con la minaccia di fame  per circa 1,5 milioni.

"Nel corso dei prossimi mesi El Niño raggiungerà la massima forza", dice  il rapporto di Oxfam  (Oxfam è una delle più importanti confederazioni internazionali nel mondo specializzata in aiuto umanitario e progetti di sviluppo, composta da  17 organizzazioni di Paesi diversi che collaborano con quasi 3.000 partner locali in oltre 90 paesi per individuare soluzioni durature alla povertà e all’ingiustizia)

"Questo periodo dovrebbe normalmente  coinciderà con il periodo delle piogge in Africa del Sud, da  novembre in poi. Ma i Meteorologi predicono un'alta probabilità di piogge inferiore alla media. Una seconda stagione delle piogge  consecutiva, do già quella del 2014, in  tutta l'Africa australe porterà gravi problemi di sicurezza alimentare nell'anno prossimo. "


In tutta l'America Centrale, due anni di siccità hanno anche portato a raccolti sotto la media. Secondo l'Organizzazione per l'Alimentazione e l'Agricoltura delle Nazioni Unite, la siccità  causata da El Niño è responsabile per cali del 60 per cento nel mais e 80 per cento della produzione di fagioli  in tutta l'America Centrale.

El Niño ha anche contribuito a condizioni eccezionalmente secche nel sud-ovest del Pacifico, in Papua Nuova Guinea, dove più di due dozzine di persone sono morte a causa della fame e acqua contaminata.  Secondo l' Oxfam molte aree  della Papua Nuova Guinea hanno circa due o tre mesi di  scorte di cibo , ma altre aree - soprattutto quelle nelle zone montuose del paese - potrebbe a corto di cibo in meno di un mese .

Via via che El Niño si rafforzerà nei prossimi mesi, i  paesi vicini all'equatore possono aspettarsi più frequenti e più forti piogge, con la conseguente minaccia di  inondazioni. 

 "El Niño ha il potenziale per innescare una emergenza umanitaria regionale e si stima ben 4,1 milioni di persone sono a rischio di carenza d'acqua, di insicurezza alimentare e di malattie, 



Fonte Articolo: NATASHA GEILING su http://thinkprogress.org/climate

ULTIMI ARTICOLI

20 OTT
Una perturbazione proveniente dall’Est Europa causerà un brusco cambiamento dle tempo e il ritorno a condizioni meteo più autunnali
19 OTT
Tra domenica e lunedì un nucleo di aria fredda proveniente dai Balcani scivolerà sulla nostra Penisola e favorirà un sensibile abbassamento delle temperature
Prime rinfrescate in vista per fine mese
18 OTT
Prima le perturbazioni Atlantiche, poi un probabile netto raffreddamento dal Circolo Polare Artico
20 OTT
#Baleari, #Spagna orientale, #Corsica, #Tunisia, senza dimenticare gli eventi occorsi in #Grecia ed infine la #Sicilia
20 OTT
Situazione critica in provincia di Catania
19 OTT
Il Mediterraneo continua ad essere interessato dal maltempo