In pubblicazione il 16 OTT 2015

El Niño a gonfie vele verso un "Niño record". Gli effetti sull'Italia

Aggiornamento del 16 ottobre. Video


Fonte Immagine: earthobservatory.nasa.gov

 

Le ultime analisi del National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA)  e dalla NASA confermano che El Niño si sta rafforzando e sembra ormai forte come l'evento, fi  ora record,  che si è verificato nel 1997-98. Le osservazioni di altezza della superficie del mare e la temperatura, così come modelli di vento, mostrano che  le acque superficiali si raffreddano  nel Pacifico occidentale mentre il riscaldamento è significativo nel Pacifico tropicale orientale.

"Sia  che El Niño diventi ora leggermente più forte o sia un po' più debole, non è statisticamente significativo al momento. Infatti  questo El Niño del 2015 è troppo intenso perchè possa svanire senza avere porttao alcuna conseguenza ", ha detto Bill Patzert, un climatologo presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA. In Ottobre le anomalie in altezza del  livello del mare  e il contenuto di calore immagazzinato nello strato superficiale sono grandi o addirittura  più grandi del Niño, fin ora record,  del 1997. "Nel corso del Nord America, questo inverno non sarà certamente normale. Tuttavia, gli eventi climatici degli ultimi dieci anni fanno 'normale' difficile da definire ".

Le mappe qui sopra (fig.1) mostrano un confronto delle altezze della superficie del mare nell'Oceano Pacifico come osservato all'inizio di ottobre nel 1997 e 2015. Le  sfumature di rosso indicano dove il mare si trovava più alto (in decine di millimetri) rispetto al normale livello del mare perché l'acqua più calda si espande e quindi occupa un maggiore volume. Le sfumature di blu evidenziano dove il livello del mare e le temperature erano inferiori alla media (contrazione). Le condizioni normali del livello marino appaiono in bianco.

"Gli Alisei  orientali si stanno ancora indebolendo", ha detto Patzert. "Questo dovrebbe ancora più rafforzare questo El Niño, già forte" Deboli alisei  nel Pacifico occidentale consentono lo sviluppo di raffiche di vento da ovest  le quali  spingono le acque calde di superficie dal Pacifico centrale e occidentale verso le Americhe.

 Click here to watch a video of Kelvin waves propagating across the ocean in the first seven months of 2015.

 

Nel suo aggiornamento mensile di ottobre, gli scienziati del Climate Prediction Center NOAA hanno dichiarato: "Tutti i modelli (una quarantina) prevedono un picco nel tardo autunno / inizio inverno e tutti concordano nel fatto che sarà un Niño "very strong" e per di più vi è una probabilità di circa il 95 per cento che El Niño very strong continuerà nell'emisfero settentrionale durante tutto l' inverno 2015-16. "


La media luglio-settembre  della temperatura della superficie del mare è stata di 1,5 ° C superiore al normale ha riferito la NOAA ha riferito, e al terzo posto dietro al 1982 (1,6 ° C) e 1997 (1,7 ° C). Il grafico (fig.2) in alto mostra le temperature in superficie del mare nel Pacifico tropicale per tutti gli eventi di Niño da moderati a forti dal 1950 ad oggi.

Quali le conseguenze sul clima dell'inverno 2015-2016 sull'Italia?

Si conferma ad oggi quanto abbiamo già pubblicato in due recenti articoli:

http://www.meteogiuliacci.it/meteo/articoli/clima/el-ni%C3%B1o-inverno-2015-2016-freddo-e-nevoso

http://www.meteogiuliacci.it/meteo/articoli/clima/le-ultime-novit%C3%A0-sul-ni%C3%B1o

 



Fonte Articolo: earthobservatory.nasa.gov

ULTIMI ARTICOLI

17 NOV
Allerta meteo arancione per temporali e vento forte sulla regione Calabria
17 NOV
Si prevedono forti nevicate su vaste aree del sud-est asiatico e parte dell'Europa orientale
17 NOV
Una colata fredda in discesa dall’Artico adeguerà l’assetto per le prime nevicate a quote basse
16 NOV
Piogge e rovesci anche intensi sul basso Adriatico e sulle aree ioniche. Generalmente discreto sulle restanti aree, clima più fresco
17 NOV
Una perturbazione seguita da aria fredda è in evoluzione dall'Egeo verso ovest: oltre 100-150 mm di accumulo
17 NOV
Eravamo abituati a temperature troppo miti per il periodo
16 NOV
Allagamenti sulla costa nord orientale
16 NOV
E' la 3° eruzione dell'anno | VIDEO