In pubblicazione il 16 GIU 2015

Estate 2015: rovente come nel 2003 o piovosa come nel 2014?

Qualche spunto da questo primo scorcio di estate…


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Partiamo da un dato di fatto. Il mese di giugno è stato fino ora poco estivo su gran parte del Centronord  e tale resterà almeno fino a mercoledì. Per di più non è previsto fino a fine mese il ritorno del rovente  anticiclone Nord africano. Pertanto è credibile che il mese in corso si chiuda alla fine con una piovosità superiore alla media al Nord e con temperature nella media o appena superiori alla media al Centrosud;  inferiori alla media invece al Nord.

Quindi anche nella malaugurata ipotesi in cui luglio e  agosto fossero molto roventi, la media del trimestre giu-lug-ago non potrà mai eguagliare l'estate 2003 che  fu caldissima in tutti 3 i mesi estivi. E questo smentisce già da oggi le Cassandre che avevano spaventato l'opinione pubblica con uno scenario estivo da girone infernale.

Ma proviamo a dare…una sbirciatina, anche all'evoluzione, seppure puramente indicativa,  prevista  sempre dal modello ensembliste GFS nelle due settimane dal 29 giugno al 12 luglio.

Nella fig.1 sono riportate le anomalie previste a 500 hPa dal 29 giugno al 5 luglio. Sul Mediterraneo occidentale sembra che prevarranno pressioni al di sotto della media: come dire che saranno probabilmente per lo più assenti sia l'anticiclone delle Azzorre che Nord africano mentre  dovrebbero predominare le  perturbazioni (cicloni) atlantiche con le loro fresche  e temporalesche correnti atlantiche.

Insomma dal 29 giugno al 5 luglio è credibile una settimana con temperature al di sotto della media e con attività temporalesca per lo più pomeridiana.


Nella settimana successiva, invece, quella dal 6 al 12 luglio, non sono previste anomalie di pressione a 500 hPa.

Quindi  dal 6 al 12 luglio dovrebbe essere l'anticiclone delle Azzorre di nuovo il padrone della situazione con tempo bello  e soleggiato su tutta la penisola e caldo "normale"

Da questo primo quadro ne scende una visione di una prima parte dell'estate con clima "normale".

Anche questo smentirebbe ancora una volta non solo i "predicatori" dell'estate 2003" ma anche quelli "dell'estate 2014".

 Insomma non sarebbe in vista né un bis dell'estate 2003 né un bis dell'estate 2014



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

17 GEN
Diverse saccature fredde raggiungeranno il Mediterraneo. Ci aspetta un periodo molto dinamico
16 GEN
Correnti Atlantiche tornano progressivamente a fluire sul Mediterraneo