In pubblicazione il 31 LUG 2016

Estate 2016: rinfreschiamo la memoria

L'anticiclone africano non è una anomalia estiva ma rientra nella normalità climatica di questa stagione


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

31 luglio 2016 - E' la 6^ volta che mi ritrovo a dover parlare del clima più probabile dell'estate 2016 (un articolo è ancora in home page  QUI ) onde evitare errate interpretazioni del mio pensiero al riguardo.

Qui riassumo il mio pensiero, già pubblicato l'ultima volta il 19 luglio:

  • non sarà una estate caldissima o da record perché quest'anno non è presente il Niño, il quale ha un accertato effetto di amplificazione della calura estiva sulla nostra penisola;
  • comunque l'estate sarà più calda di quanto non fosse 30-40 anni fa, perché a seguito del Global Warming,  le temperature,  anche  quelle estive, sono salite mediamente di  1 °C in che si traduce in un  aumento del numero e/o dell'intensità delle giornate calde;
  • Quindi l'estate 2016 sarà probabilmente  normalmente calda  (non ho mai parlato di una "fresca estate") , dove la "normalità" è riferita al comportamento prevalente delle estati negli anni "2000.

Nella normalità estiva rientrano le abituali 3-4 ondate di caldo estivo, per lo più  scatenate dall'anticiclone africano, ma  che causano tanta sofferenza psicofisica soprattutto alle persone anziane.

A questo riguardo abbiamo esaminato per le 16 estati dal 2000 al 2015 (vedi tabella) quante giornate sono state rese roventi dalle ondate di caldo africano ( per "ondata di caldo"  intendiamo una situazione con temperature oltre 33 gradi su almeno il 30% della penisola e che duri più di 3 giorni).


Ebbene dalla tabella si evince quanto segue:

  • le estati  "fresche"  - ovvero meno di 25 giorni in compagnia dell'anticiclone africano - sono state appena  4 (2000, 2004, 2013, 2014) e quindi vi è una probabilità del 25% (molto bassa ) di incorrere anche quest'anno in una estate fresca. Ma anche nelle annate "fresche" comunque l'anticiclone africano ha portato più di 20 giorni roventi;
  • le estati "caldissime" ovvero con più di 50 giorni (quasi 2 mesi su 3)  in compagnia dell'africano sono state 4: 2003 (75 giorni, quasi l'intera estate!), 2009 (62 giorni), 2012 (61 giorni) , 2015 (50 giorni). Tutti tali annate hanno coinciso con la presenza del Niño. Ma nella presente estate il Niño non ci sarà e questo è il motivo escludiamo che l'estate 2016 sia caldissima;
  • le restanti  8 annate degli anni '2000  (la maggioranza) sono state caratterizzate da 30-40 giornate ( la conseguenza di 3-4 ondate di caldo)  in compagnia dell'anticiclone africano. Ma tali annate sono quelle che, come quest'anno, non vi è il Niño ma sarà comunque presente l'effetto del Global Warming. Le rimanenti 50-60 giornate sono quasi tutte in compagnia dell'anticiclone delle Azzorre, come avverrà, ad esempio, in questa settimana..

Conclusione:

  • questa estate probabilmente non sarà "fresca" ma nemmeno "caldissima". Sarà invece probabilmente  "normale" dove per "normale" significa che dobbiamo attenderci 3-4 ondate di caldo africano per complessivi 30-40 giorni.
  • L'ondata di caldo in atto si esaurirà martedì (durata 8-10 giorni)..
  • Ma siccome dobbiamo attenderci  30-40 giorni complessivi  roventi in questa estate, è come dire che al momento, bene che vada , tra luglio e agosto dobbiamo "sorbirci" ancora 20-30 giorni di "africano".

Spero di essere stato  chiaro e che ad ogni  ondata di caldo (che arriveranno, state certi!) non si parli sempre di caldo record non previsto e che cessino le accuse di non aver previsto "l'intensa calura".



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

18 FEB
Fitti banchi di nebbia e più nubi lungo i settori Tirrenici. Aumenta l'umidità nei bassi strati
Temperature.a1500m il 23 febbraio
18 FEB
Dal molto caldo al molto freddo 
18 FEB
Arriva il preannunciato nucleo di aria polare al Centrosud
18 FEB
Un campo di alta pressione ben saldo continua a dominare l'Europa centro-orientale
17 FEB
Diverse le alluvioni lampo negli ultimi mesi nel Paese
17 FEB
Situazione allarmante per la Pianura Padana: PM10 a livelli critici per la salute
17 FEB
Il bel tempo è un toccasana per l’umore, ma nella stagione invernale non per l’ambiente
17 FEB
Temperature tipiche di fine Marzo/metà Aprile!