In pubblicazione il 4 SET 2015

Ghiacci polari più resistenti di quanto si pensasse

Contrordine: la fusione dei ghiacci polari sarà più lenta del previsto


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Un  nuovo studio ha esplorato lo stato  e l'evoluzione dei ghiacci nel lontano passato e ha scoperto che il livello del mare non aumenterebbe tanto quanto fin ora temuto. Insomma  è risultata meno rapida del previsto la fusione dei ghiacci polari per effetto del global Warming
Fig.1 - Questa è una mappa della Terra nell'ipotesi un innalzamento del livello marino di 6 metri rappresentato in rosso. Credit: NASA
L'innalzamento del livello del mare costituisce una delle più grandi minacce per gli insediamenti  umani a seguito  del riscaldamento globale, causando potenzialmente migliaia di miliardi di dollari di danni dollari per città allagate in tutto il mondo  (non va dimenticato che il 40% della popolazione mondiale vive in prossimità delle coste dei mari . n.d.r.)
Ma ora una buona notizia allevia la preoccupazione:  Il livello dei mari potrebbe non salire così  velocemente come ipotizzato.
Per prevedere i cambiamenti del livello del mare, gli scienziati hanno guardato  al lontano passato  della Terra individuando un periodo nel quale le  condizioni climatiche erano simili a oggi. All'interno di tale periodo poi  hanno studiato come le  lastre di ghiaccio del pianeta hanno reagito a temperature più calde causate da un aumento di anidride carbonica nell'atmosfera.
In uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Geology, i dottorandi Matteo Winnick e Jeremy Grotte presso la Stanford School of Earth,  hanno  esplorato queste vecchie condizioni del passato  e hanno scoperto che il livello del mare non sarebbe salito tanto come si pensava - e quindi  anche oggigiorno non possono salire velocemente come previsto
 In particolare Winnick e Grotte hanno individuato come periodo di confronto il Pliocene , un'era di circa 3 milioni di anni fa, quando i livelli di anidride carbonica nell'atmosfera erano vicini ai valori attuali (350-450 parti per milione).
"Il Pliocene ha una analogia importante per il pianeta di oggi non solo a causa delle relative concentrazioni di gas serra, ma perché i continenti erano più o meno dove sono oggi e quindi anche le circolazioni oceaniche e climatiche schematizzate nei modelli   sono paragonabili", ha detto Winnick.
La solita interminabile diatriba tra falchi e colombe del Global Warming? (n.d.r.)
 




Fonte Articolo: www.sciencedaily.com

ULTIMI ARTICOLI

l secondo freddo alle ore 22.00 del 19 novembre
18 NOV
Ecco dove e quando. Aggiornamento di sabato mattina
18 NOV
Un’area depressionaria, in arrivo sul Mediterraneo occidentale attiverà temporali e venti di burrasca in arrivo sulle regioni centro-meridionali
18 NOV
Scossa di magnitudo 4.0 in una zona nota
18 NOV
Atteso un picco di 120 centimetri
18 NOV
La città nuovamente colpita dal maltempo
17 NOV
Una perturbazione seguita da aria fredda è in evoluzione dall'Egeo verso ovest: oltre 100-150 mm di accumulo