In pubblicazione il 22 AGO 2015

Grave siccità estiva in Europa

La più intensa dopo quella storica del 2003


Fonte Immagine: Gellinger

 

Secondo l' EUROPEAN COMMISSION JOINT RESEARCH CENTRE  gran parte dell'Europa  è stata colpito da una grave siccità nei mesi di giugno e luglio 2015, uno dei peggiori  episodi  dopo quello dell'estate 2003. Le aree più colpite sono state lFrancia, Benelux, Germania, Ungheria, Repubblica Ceca, Italia settentrionale e nord della Spagna. La siccità è stato l'effetto congiunto di scarsa piovosità ma anche di forte evapotraspirazione del suolo a seguito delle temperature eccezionalmente alte. Al riguardo in un recente articolo ad hoc avevamo  qui mostrato che per l'Italia l'ondata caldo di luglio era stata di intensità record, addirittura superiore a quella del 2003.

Figura : aree con il più basso tasso di umidità del suolo a partire dal 1990 nel mese di luglio 2015 (in rosso) e nel mese di luglio 2003 (in blu). Fonte: Banca dati JRC-EDEA (EDO).

 

Notevole  nel periodo giugno-luglio 2015 anche la persistenza delle anomalie termiche:


 in tutti i paesi del Mediterraneo, e in soprattutto in Spagna, l'ondata di caldo ha durato più a lungo dell'ondata di caldo del 2003, con temperature massime giornaliere costantemente al di sopra di 30 ° C per durate di 30 a 35 giorni (anche più di 40 giorni in Spagna).

Il turismo, la viticoltura e l'energia solare hanno tratto benefici delle condizioni di siccità estrema.

 Ma molti altri settori  hanno subito danni a causa delle restrizioni idriche. In particolare vi sono state  perdite  nelle produzioni agricole, interruzioni alla navigazione interna per la scarsa portata dei fiumi, aumento degli  incendi, interruzioni nella l produzione di energia (per il surplus di consumo per la refrigerazione degli ambienti) e anche maggiori danni alla salute (colpi di calore, collassi).

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

18 AGO
Nei prossimi giorni caldo in aumento a causa dell'alta pressione dell'Anticiclone Nord Africano, che insisterà soprattutto al Centro e al Sud
17 AGO
L'alta pressione dell'Anticiclone Nord-Africano scatenerà una nuova ondata di caldo, comunque meno intensa della precedente
16 AGO
L'avanzata dell'alta pressione africana porterà in alto le temperature nell'isola, e poi nei giorni successivi anche in altre regioni
15 AGO
Il graduale ritorno dell’alta pressione renderà il tempo stabile, senza far salire eccessivamente le temperature
19 AGO
Clamoroso  insuccesso dei Climatologi
Science
19 AGO
Clamoroso  insuccesso del Climatologi
9 AGO
Rogo a Faenza, ventilazione variabile e la nube di fumo si sposta a Sud Est.
9 AGO
Le correnti dai quadranti nord occidentali sospingeranno la colonna di fumo nero verso sud, sud-est in direzione della costa romagnola