In pubblicazione il 12 FEB 2018

Il buco dell'ozono si riduce, ma nelle aree piu' popolate diminuisce

L'allarme degli scienziati


Fonte Immagine: web

 


Buone e cattive notizie arrivano per quanto riguarda la situazione Ozono nel nostro Pianeta. Ad inizio anno era arrivata la notizia che il buco dell'ozono ai Poli si sta riducendo, ben 20% in meno rispetto alle misurazioni del 2005. Poche settimane fa, però, un'altro studio è stato pubblicato della rivista Atmospheric Chemistry and Physics, che ha analizzato la distribuzione dell'ozono nell'atmosfera utilizzando una innovativa tecnica satellitare. Lo studio ha rilevato che a latitudini inferiori, ovvero nelle zone in cui si concentrano le aree più popolate del pianeta, la situazione sarebbe molto diversa, e ben poco rassicurante perchè si è osservato il calo lento ma inesorabile dell'ozono atmosferico. Lo studio ha dimostrato che i livelli di ozono hanno continuato a diminuire globalmente più o meno a partire dagli anni '80 e il rischio nelle aree piu' popolate è quello delle radioazioni Uv molto più intense. Altri studi dovranno scoprire le sostanze in grado di danneggiare lo strato di ozono del pianeta, soprattutto quelle prodotte in quantità crescente dall'attività umana.


Fonte Articolo: Andrea Raggini
Tags: 

ULTIMI ARTICOLI

15 NOV
Attese nevicate lungo la dorsale appenninica dei versanti adriatici e sui settori Alpini (qui in forma più debole)
15 NOV
L’aria fredda inizierà a fluire dalle prime ore, attenzione al maltempo localmente intenso
15 NOV
La nostra opinione sulla base degli indici climatici più importanti
14 NOV
Calo di temperatura  anche di 10 gradi entro il 20 novembre
16 NOV
E' la 3° eruzione dell'anno | VIDEO
15 NOV
Nel 1952 la capitale inglese rimase intrappolata per numerosi giorni in una cappa di fitta nebbia intrisa di sostanze inquinanti, con gravi conseguenze sulla cittadinanza
14 NOV
Lettera inviata al sindaco di Rocca Pietore da Achille di Mira (Venezia)
14 NOV
Per la California il 2018 è il peggior anno di sempre sul fronte degli incendi, e le cause vanno cercate nelle eccezionali anomalie climatiche