In pubblicazione il 2 APR 2016

Il fiume Yangtze minaccia gravi inondazioni in Cina

Un altro avverso effetto del Niño ancora in atto


Fonte Immagine: Papayoung

 

 El Nino 2016 è, come noto, il più forte dal 1950 ad oggi  e i suoi effetti perversi sul clima del globo dureranno ancora per tutta  questa primavera e cesseranno in estate. La situazione attuale in Cina è molto simile a quella del Niño 1998 (il secondo evento più intenso)  quando le inondazioni del  fiume e uccisero migliaia di persone.

Si prevede che le precipitazioni nella parte alta, medio e bassa del fiume  aumentino  fino al 80 per cento in più rispetto al normale la portata del fiume  tra  maggio e agosto.

Alcuni affluenti dello Yangtze hanno già dato luogo  ad inondazioni  e le Province e le  città lungo il fiume hanno dovuto approntare piani di emergenza.


Le  inondazioni, rispetto a quelle del passato, rischiano oggigiorno di fare più vittime  e più danni  a causa della rapida crescita  delle aree urbana e della carenza di infrastrutture di drenaggio in molte città.

Il Niño attuale ha avuto un negativo un impatto sulle più importanti colture dei prodotti del mondo: mais, soia, frumento e riso.

La maggior parte della produzione globale di questi quattro colture proviene da pochi paesi, come la Cina, gli Stati Uniti e in India.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

19 OTT
Tra domenica e lunedì un nucleo di aria fredda proveniente dai Balcani scivolerà sulla nostra Penisola e favorirà un sensibile abbassamento delle temperature
Prime rinfrescate in vista per fine mese
18 OTT
Prima le perturbazioni Atlantiche, poi un probabile netto raffreddamento dal Circolo Polare Artico
Qualcosa si muove all'orizzonte: colate fredde verso il Mediterraneo
18 OTT
La parte avanzata di una perturbazione atlantica porterà le prime nubi nelle ultime ore del weekend
20 OTT
#Baleari, #Spagna orientale, #Corsica, #Tunisia, senza dimenticare gli eventi occorsi in #Grecia ed infine la #Sicilia
20 OTT
Situazione critica in provincia di Catania
19 OTT
Il Mediterraneo continua ad essere interessato dal maltempo