In pubblicazione il 16 SET 2015

Il ghiaccio artico al suo minimo annuale

Ma non è record, per fortuna, nonostante le avverse Cassandre


Fonte Immagine: skeeze su pixabay.com

Il ghiaccio marino  artico sembra che abbia appena raggiunto il suo minimo annuale che cade sempre appunto in settembre. Secondo una prima analisi dei dati satellitari da parte degli scienziati della NASA e del  National Snow and Ice Data Center (NSIDC), l'estensione annuale del ghiaccio marino ha toccato il  minimo di 4,41 milioni di chilometri quadrati  l'11 settembre 2015. Questa e' la quarta estensione ghiacciata più bassa da quando sono operative le osservazioni satellitari dal 1978.


In realtà i"catastrofisti" si aspettavano un record di minimo assoluto visto che da gennaio a settembre 2015  la temperatura media globale della terra è stata la più alta mai registrata. A riprova, come veniva evidenziato su un altro articolo pubblicato in agosto, che i ghiacci polari sono molto più resistenti di quanto si pensasse. Questo non significa che non ci dobbiamo preoccupare della loro salute perché il Global Warming è un evento reale e non una opinione. La opinabilità riguarda solo le cause del Global Warming




Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

4 MAR
L'alta pressione proteggerà il Nord Italia mentre lascerà il resto del Paese esposto agli effetti di una circolazione depressionaria
4 MAR
Grandi nevicate non meno note colpirono la nostra regione alle porte della primavera. Una di queste va ricordata nel periodo dal'1 al 4 marzo 2011
3 MAR
Dopo una fase di alta pressione, riecco la pioggia.
3 MAR
Dopo una lunga fase di tempo stabile e asciutto e atteso l'arrivo di una perturbazione che porterà maltempo su molte regioni
3 MAR
Nuovi dati mostrano, su scala planetaria, un innalzamento del livello dei mari pari a quello descritto dagli scenari peggiori
2 MAR
Evacuazioni da parte delle autorità locali
1 MAR
Vapore acqueo, ossigeno e quindi la vita, impossibili senza l'aiuto dei vulcani
27 FEB
Recenti ricerche confermano che il cambiamento climatico potrebbe avere un notevole impatto negativo sui raccolti del futuro