In pubblicazione il 5 GIU 2015

Il Niño e le sue negative ripercussioni sulla produzione agricola in Asia e Africa

Gli agricoltori in Africa e in Asia orientale temono perdite di raccolto a seguito degli eventi meteorologici estremi legati al fenomeno di El Nino, secondo una conferenza sui cambiamenti climatici tenutasi a Bonn ieri, mercoledì.


Fonte Immagine:

 

Gli agricoltori in Africa e in Asia orientale temono perdite di raccolto a seguito degli eventi meteorologici estremi legati al fenomeno di El Nino, secondo una conferenza sui cambiamenti climatici tenutasi a Bonn ieri, mercoledì.

Una delle caratteristiche note del Niño è  infatti quello di apportare siccità o comunque  piogge di gran lunga al di sotto della media là ove in questo periodo dovrebbe iniziare la stagione delle piogge, come l'India, L'Indonesia e Paesi della costa orientale dell'Africa.

In effetti le ultime osservazioni meteo indicano la stagione delle piogge  in ritardo in diverse nazioni africane, ed è difficile prevedere esattamente quanto grandi staranno le perdite di raccolto.

Già vi sono stati danni alle colture di arachidi in Gambia e sono previste seri problemi per i raccolti di legumi, patate e mais nel Kenya.


El Nino determina anche le "condizioni ideali" ambientali per focolai di ruggine o di altre malattie delle piante in alcune zone di coltivazione di grano nell'Africa orientale.

Vi saranno inoltre problemi di siccità grave in Cina, Indonesia e India .

Per di più, a seguito del Global Warming, si ritiene che gli eventi di El Nino possano divenire più frequenti.

Inoltre  si pensa che l'aumento delle temperature da global warming  possa ridurre  i raccolti di  mais e fagioli in Africa fino al 40 per cento entro il 2050, secondo gli scienziati del  CCAFS (Climate Chance, Agricolture and Ford Security



Fonte Articolo: Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

23 AGO
Inizia una lunga fase temporalesca al Centronord
21 AGO
Allerta arancione della Protezione Civile oggi e domani in Lombardia e allerta gialla su Piemonte, Toscana e Abruzzo
18 AGO
Nei prossimi giorni caldo in aumento a causa dell'alta pressione dell'Anticiclone Nord Africano, che insisterà soprattutto al Centro e al Sud
17 AGO
L'alta pressione dell'Anticiclone Nord-Africano scatenerà una nuova ondata di caldo, comunque meno intensa della precedente
22 AGO
Ma succede ogni anno e sembrerebbe non esserci nessun record
20 AGO
Forti raffiche di vento, operazioni difficili