In pubblicazione il 6 NOV 2015

Inverno 2015-16: ancora sugli effetti probabili del Niño

Inverno tiepido nella prima parte e freddo nella seconda parte? Aggiornamento del 6 novembre


Fonte Immagine: NASA Goddard Space Flight Center

 

Ormai non passa giorno che non vi sia un articolo sulla possibile influenza del Niño sull'inverno prossimo in Europa.

 Chi si basa sugli output  dei modelli climatici prevede un inverno tiepido.

 Chi, come Meteogiuliacci, dà più importanza alle accertate correlazioni tra Niño e irruzioni di aria molto gelida fino al Regno Unito e alla Scandinavia  - con possibilità quindi che le correnti fredde, seppure attenuate, possano spingersi  fino all'Italia -  è stato fin ora del parere che il prossimo inverno ha i requisiti  per essere più freddo e più nevoso degli ultimi 2 precedenti inverni.

Ma  è rimasta fin ora inesplorata una terza possibilità, quasi salomonica: ovvero che la prima parte  dell'inverno sia tiepida e che il freddo e la neve siano più presenti nella seconda parte dell'inverno, ancor più in febbraio con qualche sconfinamento in marzo.

Ci sono "pezze di appoggio" ad una  tale ipostesi?

Ebbene sì.


Osservate la tabella allegata. la quale riporta i valori invernali di alcuni indici (QBO, DOP o PDO. NAO) in corrispondenza degli venti di Niño più intensi dal 1950 ad oggi, con l'aggiunta del Niño 2006-2007.

E' interessante notare che:

1. la  NAO (North Atlantic Oscillation) in dicembre è stata quasi sempre positiva nei 6 eventi di Niño considerati e quindi poco favorevole a irruzioni di aria polare verso più basse latitudini.

2. La NAO in gennaio è stata ancora per lo più positiva (4 eventi con NAO positiva  e 2 con NAO negativa)

3. La NAO in febbraio è stata quasi sempre negativa ( 4 eventi con NAO negativa e 1 solo con NAO positiva) e quindi favorevole ad irruzioni di aria polare fino alle nostre latitudini



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

20 OTT
Una perturbazione proveniente dall’Est Europa causerà un brusco cambiamento dle tempo e il ritorno a condizioni meteo più autunnali
19 OTT
Tra domenica e lunedì un nucleo di aria fredda proveniente dai Balcani scivolerà sulla nostra Penisola e favorirà un sensibile abbassamento delle temperature
Prime rinfrescate in vista per fine mese
18 OTT
Prima le perturbazioni Atlantiche, poi un probabile netto raffreddamento dal Circolo Polare Artico
20 OTT
#Baleari, #Spagna orientale, #Corsica, #Tunisia, senza dimenticare gli eventi occorsi in #Grecia ed infine la #Sicilia
20 OTT
Situazione critica in provincia di Catania
19 OTT
Il Mediterraneo continua ad essere interessato dal maltempo