In pubblicazione il 14 OTT 2018

L’estate degli indiani in atto sull’Italia

E’ l’equivalente delle “ottobrate romane”


Fonte Immagine: wikipedia

 

La voce "estate indiana" fa riferimento ad un lungo periodo di  tempo dolce e senza piogge che nei paesi nordici si dovrebbe verificare per lo più tra la fine di ottobre e la prima metà di novembre. Ovviamente inizio e fine dell'estate degli indiani sono alquanto aleatori anche se è pur vero che, da un punto di vista meramente statistico, tale evento è abbastanza frequente anche in Italia, tanto che è presente in alcuni noti detti popolari come le  "ottobrate romane" e "l'estate di San Martino". 

Diremo di più: l’attuale prolungata fase di bel tempo su gran parte del Centronord è un classico esempio di “ottobrata romana”.

Il termine comparve in  Pensylvania alla fine de 18^ secolo, fino a propagarsi a tutti gli stati nord-orientali degli USA, al Canada e al Regno unito ove l'espressone viene ancora correntemente impiegata.


 L'origine del termine sembra derivare dalle abitudini delle tribù indiane del Nord America, le quali  intorno a metà autunno aspettavamo un lungo periodo di tempo dolce e senza piogge per rimettere in sesto nell'imminenza della stagione fredda,  le loro abitazioni, per terminare i loro raccolti e riempire la "kambusa" di provviste. 

Siccome gli Indiani vivevano (beati loro!) alla giornata, aspettavano fiduciosi fino all'ultimo tale periodo per mettere mano a tutti tali lavori. Ma quando malauguratamente l'attesa veniva frustrata, andavano incontro ad un inverno di stenti. 

Per di più molte tribù indiane nomadi aspettavano e poi approfittavano di tale fase  di bel tempo autunnale per abbandonare le rive dei fiumi e dei laghi, assai pescose in estate,  onde spostarsi con le loro canoe, cariche di masserizie,  verso i territori di caccia nell'interno delle foreste ove trascorrevano tutto l'inverno.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

26 GIU
No, secondo Noi, e Vi spieghiamo il perché...
26 GIU
Temperature in calo tra venerdì ed il weekend, ecco dove.
26 GIU
Temperature eccezionali anche in Italia, in particolare sulla Val Padana occidentale
26 GIU
Temperature eccezionalmente alte per il mese, sarà una delle ondate di caldo più intense mai osservate a giugno