In pubblicazione il 8 SET 2015

La pausa nel global warming: pausa sì o pausa no?

Un articolo favorevole alla tesi "pausa sì"


Fonte Immagine: CRU

 

 

La lunga (non prevista dai modelli) Grande Pausa di 18 anni 8 mesi nel trend  della temperatura globale del pianeta nella parte  più bassa dell'atmosfera, come registrato dai dati RSS satellitari mensili è avvenuta proprio nel mentre  le previsioni dell'IPCC  prevedevamo invece una accelerazione del Global Warming (GW)

Fig.1

Nel  grafico Fig.1 è riportato l'intero dataset RSS  satellitare per i 440 mesi da gennaio 1979 ad agosto 2015, ove la  linea retta tendenza blu evidenzia un riscaldamento  poco più di 1,2 ° C / secolo.  Il grafico sovrapposto in verde è la tendenza  pari a zero  (pausa) nel GW  nel corso dei 224 mesi dal gennaio 1997 - più della metà l'intero  set di dati 440 mesi.

Come ci si aspetterebbe, il punto (2007-8), dove la linea di tendenza di lungo periodo interseca la linea di tendenza di pausa è il momento da cui inizia la pausa nella tendenza di lungo periodo. 

Come mostra la tabella, la tendenza è stata  inferiore a 1 °K  al secolo fino al forte evento di El Niño del 1998 il quale  improvvisamente portò la  tendenza  sopra + 1.5 K /secolo.  Rimase  così fino al 2008, da quando è calata leggermente. Dal gennaio 1979 ad agosto 2015, la tendenza è stata appena 1.21 °K / secolo

Nel 1990 l'IPCC aveva predetto  un riscaldamento quasi  lineare di 1 °K fino  al 2025, pari a quasi 2,8 °K / secolo.  Il riscaldamento effettivo è stato in realtà  0,7 °K  dal 1850 ad oggi e , solo +0,26 °K  dal 1979. La stima  del IPCC nel 1990 (+2.8), anche se effettuata sulla base di "sostanziale fiducia"  ai modelli su cui si è basata,  è stata in ogni caso esagerata del 300%.

Alla vigilia della conferenza governo mondiale di Parigi,  si stanno facendo sforzi determinati a far finta che la pausa non esiste, o che il tasso di riscaldamento a partire dal 1990 è esattamente come l'IPCC aveva previsto. Entrambe le pretese sono false. I dati UAH e RSS satellitari mostrano la esistenza della pausa nel GW, anche se i dataset temperatura terrestri sono stati tutti modificati nel corso dell'anno passato, con l'effetto di nasconderlo.

Inoltre, il tasso di riscaldamento è ormai imbarazzante perché  molto al di sotto di previsione.

Vale la pena di dimostrare questo fatto  commentando proprio  i  grafici dell'IPCC:

Fig.2

Il grafico Fig.2  è interessante, perché in azzurro mostra l'attuale previsione dei 42 modelli IPCC - 42,  previsione basata  sul presupposto che  fossero state fatte riduzioni drastiche delle emissioni di CO2. Le temperature osservate, mostrati in nero, sono già visibilmente in contrasto e comunque al di sotto della previsione centrale.

Fig.3

A seguito dell'ammissione dell'IPCC  circa l'errore  dei 114 modelli consultati per  prevedere il tasso di riscaldamento negli ultimi decenni,  La IPCC stessa ha prodotto il grafico  Fig. 3 nella suo rapporto del 2013, ove  mostra un notevole ridimensionamento  delle sue previsioni a breve termine.

Fig.4

Ma ogni volta che l'IPCC produce grafici relativi ad una piccola scala temporale, vale la pena  zoomare i punti critici della curva di riscaldamento onde  vedere  se  viene  nascosto qualcosa. Il grafico fig.4 è  appunto il risultato dello zoom relativo ad una piccola piccolo  porzione del  grafico IPCC nel  Rapporto  citato. E' allora evidente dalla figura 4  che le temperature non sono riuscite  a tenere il passo con le previsioni esagerate dei modelli.  Il modello  CMIP3 era l'insieme dei risultati di tutti i modelli impiegato per per il  rapporto del  2007;  CMIP5 è  invece l'insieme corrente dei modelli.  E' evidente che i modelli più recenti  (in rosso)  prevedono un  drastico  ridimensionamento  nell'aumento della  temperatura rispetto ai modelli precedenti (in blu), se confrontati con l'andamento delle temperature osservate (in nero).

Fig.5

Il grafico in  fig.5 mostra come  l'IPCC  sia stato costretto a ridurre drasticamente  le sue proiezioni di riscaldamento a breve termine : Le frecce rosse delimitano l'insieme  delle previsioni dei modelli elaborate nel 1990 e le frecce verdi l'insieme delle previsioni dei modelli  elaborate nel 2013. La tendenza osservata, in nero, è strascicando lungo nella parte inferiore della zona di previsione.

 

 

Fonte Articolo: Christopher Monckton of Brenchley. Articolo Articolo ripubblicato da Anthony Watts l'8 settembre 2015 sul proprio sito http://wattsupwiththat.com

ULTIMI ARTICOLI

17 OTT
Diverse alluvioni lampo tra Italia e aree sud occidentali europee. Il pericolo è ancora molto alto
17 OTT
Giornata nuvolosa in gran parte d'Italia, con la pioggia che bagnerà molte regioni, mentre le temperature rimarranno piuttosto miti
Temperature previste al suolo lunedì 22 alle ore 17.00
16 OTT
L'aggiornamento dei modelli odierno valuta probabilità positive per un primo raffreddamento
16 OTT
La depressione in avvicinamento da ovest convoglierà sull’Italia umide correnti sciroccali che porteranno molte nuvole e anche qualche pioggia
17 OTT
Numerosi interventi di vigili del fuoco e protezione civile
16 OTT
Valori ancora spesso sopra la media
16 OTT
E' il mese giusto per visitare alcune affascinanti mete nel continente africano, ma anche per spingersi all'altro capo del mondo