In pubblicazione il 6 GIU 2016

Maggio 2016: commento al clima del mese

Fresco e piovoso come non capitava da molti anni...


Fonte Immagine: NOAA

 

Il mese di maggio 2016 si è appena  concluso e una prima sommaria analisi porta  a concludere che il mese è stato molto anomalo sia nelle temperature che nella piovosità. infatti non mai fatto vedere l'anticiclone delle Azzorre che di solito in questo mese dovrebbe portare i primi tepori estivi con molte giornate di bel tempo. Né si è visto, per fortuna,  l'anticiclone Nord africano che di solito in quasi tutti gli anni '2000 aveva portato la prima vera ondata di caldo estivo sulle penisola.

Invece la struttura barica è stata caratterizzata dalla presenza costante di una robusta alta pressione dalla Scandinavia alla Russia (2 mappe) cosicché le fresche e piovose correnti atlantiche hanno avuto facile accesso al Mediterraneo almeno nelle prima parte del mese. Nella seconda parte del mese invece l'Italia  è stata interessata ancora da correnti fresche e instabili, tuttora in atto, in arrivo dal Nordest europeo e da qui poi sfociate sull'Adriatico e su tutto il Centronord.

Ma ecco una sintesi del mese sulla base delle osservazioni:

Temperatura (mappa)


Temperature ovunque al di sotto della media, fino a -1 °C sulle regioni del Nordest e del Medio Adriatico, le regioni più esposte alle fresche correnti continentali in arrivo dai Balcani. Insomma un mese di maggio piuttosto fresco, uno dei più freschi degli ultimi 15 anni.

Piogge (mappa in mm al giorno)

Piovosità al di sopra della media, tranne il Piemonte, la Liguria, la Calabria e le Isole. Particolarmente piovose le regioni Adriatiche (+ 1 mm al giorno, parti a + 30 mm nel mese ovvero circa +50% circa rispetto alla media climatica del mese).



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

23 OTT
Un cambio di rotta sul continente che tutti aspettavamo con tanta ansia. Massime a singola cifra
23 OTT
Venti di favonio ed un contesto già mite potrebbero costituire un mix esplosivo per il Nord Italia
Mercoledì 24: forti correnti settentrionali in quota sul versante Nord alpino; alta pressione sopravvento e bassa sottovento alle Alpi; forti venti da Nord ovest al suolo
23 OTT
Un effetto dell’arrivo di un nuovo nucleo freddo a ridosso delle Alpi
23 OTT
Ancora elevata criticità sui versanti settentrionali della #Calabria Ionica e della #Sicilia tirrenica
22 OTT
Ecco le temperature massime raggiunte quest'oggi
22 OTT
In 50 minuti tre scosse di magnitudo oltre il sesto grado
22 OTT
Una fenomenologia sempre più accentuata dal riscaldamento globale ormai fuori da ogni logica