In pubblicazione il 21 NOV 2018

Meteo inverno 2018-2019. Cinque metodi di previsione

Il quinto metodo è il più amato ma il più… farlocco


Fonte Immagine: pininterest.com

 

Come sarà l’invento 2018/2019?  Si moltiplicano ormai di giorno in giorno la riguardo Le previsioni al riguardo sulla rete sono ormai numerose e spesso anche contraddittorie le une  con le altre. 

Perché non vi unanime accordo?


Perché per prevedere  il clima della stagione metrologo può impiegare  5  diversi metodi.

  • Previsione climatica stagionale a cura del modello europeo ECMWF. Ve lo mostreremo tra qualche  giorno;
  • Previsione climatica stagionale a cura del modello americano CFS . Anche di questo ne be parleremo con  apposito articolo;
  • Previsione climatico.-statistica ovvero basata sull’eventuale trend nella temperatura  e nella piovosità dedotto dalla osservazioni degli ultimi 20-30 anni; 
  • Previsione dinamica basata sulla analisi del grado di influenza su temperature  e piovosità invernale da parte  di quegli indici peditori che hanno una accertata correlazione con il clima invernale (Global Warming, attività solare, Niño, Niña, direzione dei venti stratosferici equatoriali, superficie innevata ad ottobre sull’Emisfero Nord). E’ il metodo ad oggi più scientifico ma l’interpretazione dei vari parametri è soggettiva e non quantitativa  perché basta sulla importanza che il Meteorologo dà ad ogni singolo parametro; 
  • Il metodo più usato ma più farlocco: affermare a priori che l’inverno prossimo sarà freddo e nevoso perché questo è ciò che tutti gli appassionati meteo vorrebbero sentirsi dire. Ecco perché molti siti meteo li accontentano con questa previsione “placebo”. Ma, guarda caso, è la previsione che frutta anche il maggior numero di click (e chi ne avrebbe dubitato!). 

Meditate, meditate, gente!



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

16 GEN
Correnti Atlantiche tornano progressivamente a fluire sul Mediterraneo
Correnti a 5500m tra il 20 e il 23 gennaio
15 GEN
Le proiezioni odierne confermano la nostre ripetute previsioni al riguardo
14 GEN
L'alta pressione delle Azzorre prenderà il comando della Penisola. Solo una breve parentesi (per il Centro Sud)
14 GEN
Ulteriore rinforzo dei venti dai quadranti settentrionali, anche sui settori adriatici meridionali e lungo i restanti settori ionici
15 GEN
Forte scossa di terremoto avvertita dalla popolazione. Gente in strada su tutta la costa Romagnola
Raffiche di vento in km/ora il 14 gennaio
14 GEN
E' giunto il Foehn in Val Padana