In pubblicazione il 18 LUG 2015

Secondo i satelliti la pausa del Global Warming dura da 20 anni

Forte disaccordo tra l'analisi dei dati di temperatura presi dalle 10.000 stazioni a terra e l'analisi di quelli ripresi dai satelliti


Fonte Immagine: NOAA

 

A settembre di quest'anno, la Terra entrerà il suo 21° anno, senza  una significativa statistica tendenza al riscaldamento, secondo i dati di temperatura ottenuti via satellite.

Dal settembre 1994, l'University of Alabama nei dati di temperatura di Huntsville satellite ha riscontrato che da oltre 20 anni non c'è stato alcun apparente tendenza al riscaldamento nelle registrazioni satellitari e  presto entreremo  nel 21^  anno consecutivo senza tendenza al riscaldamento apparente nei dati satellitari - che prende in esame  la temperatura degli strati più bassi poche miglia di atmosfera terrestre.

I dati satellitari del gruppo Remote Sensing Systems (RSS) mostra anche una "pausa" prolungata nel riscaldamento globale. Dopo novembre di quest'anno, i dati RSS saranno nel suo 21 ° anno senza riscaldamento. Ironia della sorte, la cosiddetta "pausa" nel riscaldamento è cominciata proprio quando l'allora vice presidente Al Gore e i gruppi ambientalisti propagandavano i  dati RSS satellitari come prova di una leggera tendenza al riscaldamento dal 1979.

Fig. 1 - andamento della  temperatura globale secondo i dati osservati dalle stazioni a terra (elaborazioni NOAA)

Fig. 2- andamento della temperatura nei bassi strati dell'atmosfera secondo i dati osservati dai satelliti (fonte: RSS, http://www.drroyspencer.com/latest-global-temperatures)

Per anni, gli scienziati del clima hanno discusso  sulla "pausa" nel riscaldamento globale, dando decine di spiegazioni  diverse l'una dalle altre circa il motivo per cui le temperature globali non avevano aumentato significativamente negli ultimi dieci anni o giù di lì nelle misure  a terra superficie e per gli ultimi due decenni nel record satellitare. 

Ma il dibattito è stato interrotto nel mese di giugno, quando il National Oceanic and Atmospheric Administration ha pubblicato uno studio  secondo il quale  il "iato" non è mai esistito ( e di cui ne ha parlato anche questa redazione n.d.r.)


"I dati di temperatura di superficie globale di nuova corretti e aggiornati dalla NOAA non supportano l'idea di un riscaldamento globale 'hiatus,'", hanno scritto gli scienziati del NOAA nel loro studio .

Lo studio è stato molto criticato perché  tende  a gonfiare  i dati osservati di temperatura a partire dalla fine degli anni 1990 per mostrare il riscaldamento molto più globale di quanto è stato mostrato nei dati più vecchi. L apausa riscaldamento "iato" è stato eliminato e la tendenza al riscaldamento nel corso del periodo è più che raddoppiato.

"C'è stato tante critiche di alterazione del NOAA della temperatura superficiale del mare

Ma ciò che Michaels e altri dicono è più problematica è la crescente divergenza tra i nuovi dati di temperatura del NOAA contro dati satellitari e registrazioni dal Met Office britannico. I dati del NOAA mostra significativamente un riscaldamento maggiore del Met Office e delle registrazioni satellitari.

articolo a cura di MICHAEL BASTASCH

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

Satellite ore 11.00 di lunedì
18 MAR
Si aggrava la siccità su Piemonte Liguria e Toscana
14 MAR
Colpo di coda invernale a partire dal 20 marzo con intrusione di aria più fredda in discesa dalla Groenlandia
14 MAR
Aria fredda dalla Groenlandia attiverà il classico colpo di coda invernale
14 MAR
Venti molto miti protagonisti delle due giornate
17 MAR
Altissimo il numero delle vittime e le devastazioni in Mozambico, Malawi e Zimbabwe
15 MAR
Il mese di marzo nel nostro Emisfero segna l'inizio della Primavera, ma in alcune zone è capace di regalare un piacevole clima estivo
15 MAR
E' caduta la metà della pioggia attesa nell'intero inverno