In pubblicazione il 18 GIU 2015

Si formeranno uragani più potenti

Le conseguenze di mari e Atmosfera più caldi


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Nei prossimi decenni violenti cicloni tropicali colpiranno con frequenza crescente l’Asia e le coste orientali del Nord America! Questo è ciò che emerge da una ricerca pubblicata a luglio 2013 sulla rivista scientifica Proceedings of the National Academy of Sciences.

I risultati della ricerca, condotta utilizzando i più recenti e sofisticati modelli fisico-matematici capaci di simulare il comportamento dell’Atmosfera, indicano infatti che le tempeste tropicali e gli uragani di categoria 1 e 2 troveranno con maggior facilità l’energia necessaria per trasformarsi in uragani di categoria 3, 4 o 5, ovvero violenti cicloni tropicali con venti ad almeno 178 km/h: in particolare durante il XXI secolo il numero di uragani di categoria 3 o superiore potrebbe aumentare di circa il 40%!


Kerry Emanuel, climatologo del MIT e autore della ricerca, afferma inoltre che l’aumento nella frequenza di violenti cicloni tropicali diverrà maggiormente evidente intorno alla metà del secolo, e sarà causato principalmente dal previsto aumento delle temperature superficiali degli oceani: i mari infatti trasferiranno alle tempeste quelle quantità aggiuntive di calore e vapore necessarie per trasformarsi in uragani di categoria superiore.

Ma, contrariamente a quanto emerso in altri recenti studi, ad aumentare potrebbe non essere solo l’intensità dei cicloni tropicali: i risultati dello studio di Emanuel suggeriscono infatti anche un aumento del numero di cicloni tropicali che si formeranno nei prossimi decenni. La regione in cui numero e intensità dei cicloni tropicali aumenterà maggiormente invece, sempre secondo questo studio, dovrebbe essere il Pacifico Settentrionale, ma in ogni caso il fenomeno interesserà in misura importante anche in Nord Atlantico e l’Oceano Indiano Meridionale. 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

I due nuclei di aria fredda in arrivo dal Nordest europeo visti alla quota di 5500m visti domenica 18 e martedì 20 novembre
16 NOV
Prima ondata, moderata. La seconda invece intensa 
15 NOV
Attese nevicate lungo la dorsale appenninica dei versanti adriatici e sui settori Alpini (qui in forma più debole)
15 NOV
L’aria fredda inizierà a fluire dalle prime ore, attenzione al maltempo localmente intenso
15 NOV
La nostra opinione sulla base degli indici climatici più importanti
16 NOV
Allagamenti sulla costa nord orientale
16 NOV
E' la 3° eruzione dell'anno | VIDEO
15 NOV
Nel 1952 la capitale inglese rimase intrappolata per numerosi giorni in una cappa di fitta nebbia intrisa di sostanze inquinanti, con gravi conseguenze sulla cittadinanza
14 NOV
Lettera inviata al sindaco di Rocca Pietore da Achille di Mira (Venezia)