In pubblicazione il 14 LUG 2016

Sta per arrivare il "solleone"

Dovrebbe essere il periodo più caldo dell'anno. Sarà così anche per l'ultima decade di luglio e per la prima quindicina di agosto?


Fonte Immagine: it.paperblog.com

 

I popoli antichi erano attenti osservatori del cielo e quindi profondi conoscitori della periodicità dei fenomeni astronomici osservata nel corso di millenni,

Per questo erano riusciti a costruire calendari precisi e a determinare le date migliori per i lavori agricoli.

In particolare, gli antichi Egizi avevano la necessità di prevedere le piene dei Nilo, sulle quali era basata la loro stessa sopravvivenza ed avevano notato che in un certo periodo dell'anno, verso la metà luglio, la stella Sirio, della costellazione del Cane maggiore, sorgeva appena prima del Sole, e poche settimane dopo tale data arrivava la piena del  Nilo.

Sirio è la stella più brillante del cielo notturno estivo nell'emisfero Nord. E' così luminosa che di notte è in grado di proiettare a terra una leggerissima ombra degli oggetti. Il nome Sirio deriva appunto dagli antichi Egizi che affidavano alla stella il compito di vigilare, appunto come un cane, sull'arrivo delle piene annuali del Nilo.

Poi gli antichi Romani avevano denominato Sirio come "canicula", ovvero il piccolo cane della costellazione.

E siccome Sirio sorge e tramonta con il Sole dal 25 luglio al 24 agosto, ovvero nel periodo più bollente dell'estate, quello solitamente denominato Solleone, allora la canicola è stata poi associata al periodo più caldo dell'anno.

Ma perché il periodo più caldo dell'anno di solito cade effettivamente tra la fine di luglio e la prima metà di Agosto?

Il motivo è semplice: il calore solare in arrivo al livello del mare è massimo al solstizio estivo ovvero nella giornata il 21 giugno ma il suolo della terraferma impiega circa 5-6 settimane e la superficie degli oceani circa 7-8 settimane per raggiungere la temperatura massima, corrispondente al massimo accumulo di calore.

Ma siccome l'atmosfera si riscalda attraverso il calore ceduto dalla terraferma e dagli oceani allo strato d'aria sovrastante, allora le temperature dell'aria raggiungeranno il valore massimo nell'ultima decade di luglio per la terraferma e nella prima quindicina di agosto per le città costiere del Centro e soprattutto del Meridione.

Allora sorge spontanea la domanda: quest'anno il periodo del solleone, almeno quello relativo all'ultima decade di  luglio, rispetterà il clima ovvero sarà tra il più caldi dell'estate?


La risposta è "Ni"

Infatti da un parte nell'ultima decade di luglio 2016 i modelli prevedono che sia presente sull'Italia l'anticiclone delle Azzorre (fig.1) e quindi non dovremmo avere sulla penisola temperature africane, ma dall'altra la terraferma e la superficie del mare saranno in effetti surriscaldati al massimo, per quanto detto sopra, ma soprattutto per il surplus di calore portato dalla ondata di caldo africano appena terminata.

Pertanto,credibilmente il caldo, almeno nell'ultima decade di luglio 2016, sarà comunque al di sopra della norma.  

Questo significa che, almeno tra il 20 e il 31 luglio, le temperature massime invece di essere per lo più comprese tra 28 e 32 gradi - come di solito capita in estate in presenza dell'anticiclone delle Azzorre - si spingeranno invece fino a valori di 33-35 gradi.

Per il "solleone" relativo alla prima quindicina di agosto rimandiamo all'articolo pubblicato il 13 luglio (vedi  QUI ).

 

 

 

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci
Tags: 

ULTIMI ARTICOLI

14 DIC
Coinvolte anche le regioni occidentali. Fenomeno probabile su Piemonte, Lombardia, Emilia e Veneto
14 DIC
I modelli continuano a mettere ma poi a togliere la neve in pianura
13 DIC
Ultime novità dai modelli. Prevista neve su Emilia Romagna, Veneto e Lombardia
13 DIC
Aria fredda sul centro nord in contrasto con quella umida in arrivo con le perturbazioni Atlantiche
12 DIC
Valori molto bassi anche sull'Appennino centrale
9 DIC
Netta differenza termica, ecco perchè