In pubblicazione il 16 GEN 2018

Tartarughe marine, il 99% degli esemplari di Chelonia mydas è femmina

La colpa? Ovviamente dei cambiamenti climatici


Fonte Immagine: web

 


Il cambiamneto climatico mette lo zampino anche sulle tartarughe. Un disequilibrio come quello evidenziato sulla costa orientale del Queensland non era mai stato osservato prima. Qui si radunano oltre 200 mila femmine nidificanti, in uno dei più vasti aggregati di tartarughe verdi al mondo ed è stato scoperto che la quasi totalità delle tartarughe verdi, 99%, è composta da femmine. In questi rettili marini, il sesso del nascituro è deciso dalla temperatura di incubazione delle uova, che le madri nascondono in buche scavate nella sabbia. Nidi più caldi porteranno a un maggior numero di femmine; nidi più freschi, a più maschi - con la soglia ideale per garantire un equilibrio (50-50) fissata a 29,3 °C.


Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

15 NOV
Attese nevicate lungo la dorsale appenninica dei versanti adriatici e sui settori Alpini (qui in forma più debole)
15 NOV
L’aria fredda inizierà a fluire dalle prime ore, attenzione al maltempo localmente intenso
15 NOV
La nostra opinione sulla base degli indici climatici più importanti
14 NOV
Calo di temperatura  anche di 10 gradi entro il 20 novembre
16 NOV
E' la 3° eruzione dell'anno | VIDEO
15 NOV
Nel 1952 la capitale inglese rimase intrappolata per numerosi giorni in una cappa di fitta nebbia intrisa di sostanze inquinanti, con gravi conseguenze sulla cittadinanza
14 NOV
Lettera inviata al sindaco di Rocca Pietore da Achille di Mira (Venezia)
14 NOV
Per la California il 2018 è il peggior anno di sempre sul fronte degli incendi, e le cause vanno cercate nelle eccezionali anomalie climatiche