In pubblicazione il 25 GEN 2016

Tempeste di neve record nel nordest degli USA in 3 inverni consecutivi. Perchè?

Una apparente contraddizione con il surriscaldamento del pianeta


Fonte Immagine: NOAA

 

Le tempeste di neve richiedono  un processo molto comune: aria calda e quindi potenzialmente molto umida e che poi venga  raffreddata  fino a condensare a temperature sorto zero. 

 

Fig. 1 Le temperature medie di gennaio negli Stati Uniti (1981-2010). Gran parte della parte settentrionale del paese ha temperature sotto lo zero nel mese di gennaio. Mappa NOAA Climate.gov, a cura  della Oregon State University. 

 

Un modo per dimostrare che le bufere di neve non sono incompatibili con climi caldi è quello di guardare al passato alle tempeste di neve che detengono un record storico per meglio conoscere le condizioni stagionali che le hanno generate. 

Ebbene l'analisi di tali tempeste tra 1961-2010 ha mostrato, è vero, che  la maggior parte delle tempeste di neve estreme si sono verificate in stagioni che erano più fredde e più umide della media ma  è pur vero il 35 per cento delle stagioni che hanno dato luogo ad  eventi nevosi estremi erano più calde della media, e il 30 per cento erano più secche della media.

Sulla base di queste constatazioni un gruppo di scienziati ha concluso che:

anche se il global warming continuerà a crescere  per i prossimi decenni con il trend  degli ultimi decenni,  tali tempeste record di neve resteranno ancora possibili

Anzi in un clima sempre più caldo le eccezionali tempeste  di neve  non solo resteranno possibili ma diverranno anche più probabili.

Del resto ci sono ormai  prove che le tempeste  di neve nella stagione fredda nell'emisfero settentrionale sono diventate più frequenti e più intense delle tempeste di neve dal 1950.  Le forti tempeste sono aumentate  di numero già alla fine del secolo scorso nelle zone settentrionali e orientali del Regno Unito.

 

Fig.2  Frequenza e intensità delle tempeste invernali alle alte  (60-90 ° N) e medie latitudini (30-60 ° N) tra 1949-2010 rispetto alla media a lungo termine. La frequenza delle tempeste è aumentate alle latitudini medie e alte, e l' intensità delle tempeste è  aumentate alle medie latitudini. Grafico adattato da National Assessment Climate 2014.

 

Per quanto riguarda ciò che cause fisiche hanno provocato la tendenza rilevata  nelle tempeste estreme, gli scienziati hanno concluso che l'attuale livello di comprensione è "relativamente basso". Mentre la spiegazione di queste tendenze resta inafferrabile, il riscaldamento però ha provocato una maggiore evaporazione cosicché l'atmosfera è diventata più umido e questo può essere la causa di piogge più estreme e nevicate estreme in queste tempeste.

 


Fig. 3 Temperature oceaniche più calde possono rendere l'aria più calda  e più umida.  L'aria più  umida che viene poi coinvolta nella tempesta,  produce grandi quantità di neve. NOAA Climate.gov cartone animato da Emily Greenhalgh.

 

Gli scienziati hanno misurato un significativo aumento di vapore acqueo nell'atmosfera superficie rispetto al 1970. Tale aumento globale è coerente con la tendenza a lungo termine del riscaldamento della temperatura media della superficie del nostro pianeta. Temperature dell'aria più calde alimentano una maggiore evaporazione, portando ad un ambiente umido, che aumenta la quantità di pioggia o  di neve.

L'accumulo di precipitazioni può essere particolarmente significativo per le tempeste invernali costiere note come "nor'easters", come quella che seppellì Boston a metà febbraio. Queste tempeste traggono gran parte della loro intensità dall'estremo contrasto fra l'aria fredda in arrivo da Nord  dalla terraferma  e l'aria più calda e più umida in arrivo dall'oceano. Temperature delle acque oceaniche più calde  del normale possono rendere l'aria sovrastante più calda e più umida,  amplificando il contrasto. Non appena poi l'aria umida viene coinvolta nella tempesta,  produce grandi quantità di neve.

 

Fig.4 Nor'easters, come questo che seppellì il nord-est a fine gennaio, traggono gran parte della loro intensità dall'estremo contrasto fra l'aria fredda generatasi sulla terraferma  e quella più calda e più umida in arrivo dall' oceano. Questa immagine del 27 gennaio 2015,  è una ripresa  notturna del satellite Suomi NPP, e  mostra la radiazione infrarossa a onde lunghe (calore) irradiata dalla terraferma, dal  mare e dall'atmosfera nel Nord-Est degli USA. Le zone più calde ('oceano) appaiono qui  scure, e le zone più fredde, come il top delle nubi  che producono neve, sono luminose. Suomi NPP è una partnership tra NOAA, la NASA e il Dipartimento della Difesa. Immagine da NASA Earth Observatory.

 

Il collegamento tra l'aumento delle temperature globali e il trend delle tempeste invernali alle medie latitudini può essere incerto, ma le influenze del riscaldamento sulla neve caduta a  terra non lo è. Il rapporto 2014 NCA ha concluso che il manto nevoso sul terreno nell'emisfero settentrionale è diminuito nel corso degli ultimi decenni, soprattutto in tarda primavera. Ciò è dovuto in parte a temperature più elevate che accorciano il tempo che la neve  trascorre  sul terreno.  Per quanto riguarda gli Stati Uniti è stato scritto

Gli Inverni molto nevosi hanno generalmente diminuito la frequenza nella maggior parte delle regioni nel corso degli ultimi 10 o 20 anni, tranne che nel Nord-Est del paese. Il totale degli accumuli stagionali di neve è generalmente diminuito nelle regioni meridionali e alcune occidentali,è  aumentato nel Great Plains e Great Lakes  settentrionali, e non è cambiato in altri settori.

Per quanto riguarda quello che verrà in futuro, le proiezioni dei modello in genere mostrano che le traiettorie medie delle tempeste alle medie e alte latitudini si sposterà verso i poli in entrambi gli emisferi

 

 

Mercoledì 11 marzo, 2015

 



Fonte Articolo: Caitlyn Kennedy NOAA

ULTIMI ARTICOLI

12 NOV
Nostro definitivo responso al 12 novembre 2018
pressione alla quota di 5500m alla ore 10.00 di lunedì 12 novembre
12 NOV
Solo due giorni su parte del Meridione
12 NOV
La settimana sarà caratterizzata dalla presenza dell’alta pressione che terrà lontane le perturbazioni e garantirà prevalenza di tempo stabile e mite
10 NOV
Le proiezioni dei modelli consentono di intravedere la fine del lungo periodo insolitamente mite, ma prima dovremo sopportare ancora per un po’ le temperature sopra la norma
12 NOV
Evacuate molte star a Malibu tra cui Lady Gaga
10 NOV
Barche affondate nel porto canale, ecco le immagini
10 NOV
Criticità idraulica che porta ad una soglia di attenzione elevata per queste zone con un allerta della protezione civile