In pubblicazione il 6 APR 2018

Tendenza meteo nella settimana 15-20 aprile

Ancora umide correnti atlantiche sull’Italia?

Fig.1 – Struttura delle correnti a 5500m mediata tra il 15 e il 20 aprile sulla base delle medie di ensemble  GFS
Fig.1 – Struttura delle correnti a 5500m mediata tra il 15 e il 20 aprile sulla base delle medie di ensemble GFS
Fonte Immagine: GFS NOAA

 

Circolazione atmosferica

Le correnti atlantiche sono costrette a entrare con direttrice da Nordovest nel Mediterraneo Nord occidentale a seguito del muro di alta pressione presente alle alte latitudini.

Fig.1 – Probabilità di presenza di alta pressione (in marrone) o di bassa pressione (colore celeste)  alla quota di 5500m tra il 15 3e il 20 aprile (modello GFS)

Fig.2 – Struttura delle correnti a 5500m mediata tra il 15 e il 20 aprile sulla base delle medie di ensemble GFS

 

Piogge


Le  umide correnti atlantiche, una volta entrate nel Mediterraneo nord occidentale,  raggiungono poi l’Italia con correnti da Sudovest (Libeccio),  dando quindi luogo probabilmente a piogge  su regioni tirreniche, gran parte del Nord Italia

 

Temperature

Le miti correnti provenienti dal Medio Atlantico favoriranno temperature al di sopra della media

 

Fig.3 – Probabilità di temperature al di sopra della media (colore marrone) tra il 15 e il 20 aprile alla quota di 1500m (modello GFS)



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

22 MAR
Grave crisi idrica su Piemonte, la Lombardia, il ponente ligure e la Toscana. Qualche dato statistico
21 MAR
L'area depressionaria afromediterranea continuerà a portare instabilità sui settori meridionali
21 MAR
Temperature in netto aumento per l'estensione dell'Alta delle Azzorre sul Mediterraneo. Cambia a metà della prossima settimana
20 MAR
Mareggiate lungo le coste esposte. Avviso di condizioni meteo avverse del 20 marzo
23 MAR
Raffiche a 250 km/h ed onde alte 13 metri!
20 MAR
Spunta il sole sull'Europa e la linea dell'ombra è bella dritta dal Polo all'Equatore: foto scattata dal satellite
20 MAR
Nel riminese migliaia di pesci morti