In pubblicazione il 12 LUG 2015

Tra 15 anni potrebbe iniziare una nuova Era Glaciale!

Alcuni scienziati britannici sostengono che entro il 2030 vi sarà un crollo delle temperature medie planetarie causato da un forte indebolimento dell’attività solare


Fonte Immagine: Dal film "The Day After Tomorrow"

 

A cavallo tra il XVII e il XVIII secolo il nostro Pianeta ha vissuto uno dei periodi più freddi degli ultimi millenni, con inverni incredibilmente rigidi, durante i quali gelavano la gran parte dei fiumi e dei laghi europei, ed estati insolitamente fresche e piovose, capaci di guastare irrimediabilmente gran parte dei raccolti. Ebbene, secondo un team di studiosi della Northumbria University di Newcastle guidati dalla Professoressa Valentina Zharkova, questo è il clima che ci attende nel 2030, quando il Pianeta potrebbe scivolare all’improvviso in una nuova Piccola Era Glaciale.

I risultati dello studio sono stati presentati al National Astronomy Meeting di Llandudno, e indicano il Sole come il maggior responsabile dell’imminente improvviso crollo delle temperature planetarie: secondo i ricercatori infatti i prossimi due cicli solari (i periodi un decennali durante i quali il sole passa da periodi in cui emette più energia ad altri in cui ne emette di meno) mostreranno una sensibile riduzione dell’attività solare, con conseguente inevitabile raffreddamento della Terra.

Ma come fanno gli scienziati della Northumbria University ad affermare che il Sole diventerà all’improvviso così pigro da condannarci al grande gelo? Le loro previsioni si basano su un nuovo modello utilizzato per descrivere il funzionamento della nostra stella: un modello che prevede una dinamo (una sorta di motore magnetico) aggiuntiva appena sotto la superficie solare e che si aggiungerebbe a quella che caratterizza l’interno del Sole. Le proiezioni effettuate utilizzando il nuovo modello hanno mostrato un’accuratezza del 97% e, appunto, sembrerebbero indicare per i prossimi anni una rapida diminuzione dell’attività solare.

In particolare secondo i calcoli degli scienziati si verrebbe a ricreare una situazione molto simile a quella del Minimo di Maunder, periodo compreso tra il 1645 e il 1715 durante il quale le macchie solari (indice dell’attività solare) scomparvero quasi del tutto e il clima divenne incredibilmente freddo. 

Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

Pressione all quota media di 5500m domneivca 23
18 SET
Un ultimo fine settimana con temperature fino a 30 gradi
satellite ore 10.50 di martedì
18 SET
Una perturbazione Nord africana in arrivo martedì 18 settembre
18 SET
Numerosi improvvisi temporali, oggi e nei prossimi giorni, mentre le temperature rimarranno di alcuni gradi al di sopra delle medie stagionali.
Temperatura a 1500m prevista per il 24 settembre
17 SET
Dal caldo al quasi caldo o dal caldo al fresco?
18 SET
Un nuovo studio raddoppia le morti provocate dallo smog
17 SET
Mete turistiche più appetibili dal punto di vista climatico
Radar meteo Protezione Civile ore 16.40
14 SET
Temporali sparsi, temperature per lo più sotto 30 gradi