In pubblicazione il 24 FEB 2016

Un altro effetto perverso del Niño più forte di sempre

La morte e lo sbiancamento dei coralli a scala globale . Le conseguenze gravi sull'habitat marino


Fonte Immagine: motherjones.com

 

Il riscaldamento globale e l'intenso El Niño, ancora in corso, hanno determinato  la più lunga fase da sempre di moria di coralli a scala globale, secondo il NOAA e si prevede una ulteriore perdita di coralli per malattie e stress termico a causa di temperature oceaniche record. L'evento di sbiancamento a  scala globale del corallo che è iniziato nel 2014, potrebbe estendersi anche nel 2017.

figura: Le immagini superiori  mostrano i livelli massimi di stress termici misurati dai satelliti NOAA nel 2014 e nel 2015 insieme a luoghi in cui è stato segnalato il peggiore sbiancamento dei coralli. L'immagine in basso mostra  quattro mesi imbianchimento  e una previsione per febbraio-maggio 2016 sulla base del modello di previsione NOAA Climate system insieme con le posizioni.Credit: NOAA

Lo sbiancamento dei coralli si verifica quando i coralli sono stressati da condizioni come alte temperature. 

Lo  sbiancamento, si verifica quando i coralli espellono le alghe simbiotiche che vivono nei loro tessuti. Senza le alghe i coralli perdono una notevole fonte di cibo e sono più vulnerabili alle malattie. In un grave evento di sbiancamento, vaste aree di coralli ermatipici muoiono. 

Questo fa sì che le barriere coralline vengano  erose, distruggendo così a su volta  habitat dei pesci e togliendo alle coste  la protezione contro la  forza distruttiva delle onde dell'oceano.

Le più calde temperature dell'oceano causate da El Niño e il riscaldamento globale sono la causa dello sbiancamento dei coralli. Il primo sbiancamento di massa si è verificato durante il 1982-83 El Niño. Un evento di sbiancamento globale è stato poi confermato nel 1998, durante il forte El Niño  di quell'anno  e che  fu seguito da una fortissima La Niña, la quale  sospinse  le acque più calde in posti come Palau e Micronesia. Un secondo evento di sbiancamento globale si è verificato nel 2010, nel corso di un meno potente El Niño.

Gli scienziati hanno osservato l'attuale evento globale  di sbiancamento del corallo a partire da metà 2014, quando lo sbiancamento è iniziata nel Pacifico occidentale. Nel mese di ottobre 2015,quando  El Niño si è ancor più rafforzato, gli scienziati del NOAA hanno dichiarato che era in atto  terzo evento  record di sbiancamento globale.

Una nuova ricerca rileva che questo evento lo sbiancamento si è protratto per 20 mesi e potrebbe proseguire fino al  2017.


A causa della notevole lunghezza dell'vento, i coralli in alcune parti del mondo, non hanno tempo per recuperare prima di essere colpiti da un altro evento di sbiancamento.

Il tasso di sbiancamento è stato molto  più veloce del tempo necessario ad  alcune barriere  di recuperare. Nel 1998 nel sud est asiatico, per esempio, ci fu un grave evento di sbiancamento, seguito da dodici anni di recupero che hanno permesso  ad alcuni corali, a più veloce crescita, di rigenerarsi. Tuttavia, i  coralli  a più lenta crescita - che costruiscono la spina dorsale delle barriere coralline -  non  ce la fanno  a recuperare.

Purtroppo la frequenza degli  eventi di sbiancamento di massa è  in aumento a causa del riscaldamento globale.


Fonte:

Il post di cui sopra è ristampato da materiali forniti dalla American Geophysical Union .

American Geophysical Union. "El Niño prolunga più lungo evento globale lo sbiancamento del corallo". ScienceDaily. ScienceDaily 23 febbraio 2016. <www.sciencedaily.com/releases/2016/02/160223132730.htm

 

 



Fonte Articolo: American Geophysical Union. "El Niño prolunga più lungo evento globale lo sbiancamento del corallo". ScienceDaily. ScienceDaily 23 febbraio 2016.

ULTIMI ARTICOLI

19 MAR
L'alta pressione torna sulle regioni settentrionali. Siccità ancora molto elevata su Piemonte e Lombardia
18 MAR
Il tempo tornerà gradualmente stabile al Centro Nord con temperature in aumento
18 MAR
L'aria fredda e la serenità del cielo favoriranno un deciso raffreddamento notturno
Satellite ore 11.00 di lunedì
18 MAR
Si aggrava la siccità su Piemonte Liguria e Toscana
18 MAR
L’evento iniziò con un aumento dell'attività stromboliana e con piccole colate laviche sul versante orientale e verso sud. Tanti i paesi che subirono danni
17 MAR
Altissimo il numero delle vittime e le devastazioni in Mozambico, Malawi e Zimbabwe
15 MAR
Il mese di marzo nel nostro Emisfero segna l'inizio della Primavera, ma in alcune zone è capace di regalare un piacevole clima estivo
15 MAR
E' caduta la metà della pioggia attesa nell'intero inverno