Fonte Immagine: 
web
Nubifragi eccezionali, piene devastanti nel piacentino

Tra domenica 13 e lunedì 14 settembre 2015, tra Liguria ed Emilia un fortissimo sistema temporalesco porto' un'alluvione storica nel piacentino. Nubifragi che durarono ore colpirono il crinale piacentino e le valli adiacenti scaricando ingenti quantitativi d'acqua che i corsi d'acqua solitamente non vedono in così poco tempo. Il risultato fu che piene storiche dei fiumi Trebbia e Nure sconvolsero molti paesi con esondazioni, strade inghiottite, case sventrate e due vittime. Case crollate, auto trascinate via dalla furia dall’acqua e strade crollate. Le previsioni che indicavano accumuli abbondanti sul crinale piacentino e parmense si sono realizzate ma localmente gli accumuli previsti sono stati raddoppiati!

Ecco gli accumuli di pioggia maggiori di quella giornata:

328 mm a Salsominore (PC)
208 mm a Cassimoreno (PC)

199 mm a Trebbia Valsigiara (PC)
175 mm a Bardi (PR)
170 mm a Teruzzi (PC)
168 mm a Frassineto (PR)
149 mm a Selva Ferriere (PC)
145 mm a Casalporino (PR)
124 mm a Farfanaro (PR)
118 mm a San Michele (PC)
116 mm a Ospitaletto (RE)
114 mm a Varsi (PR)
107 mm a Bore (PR)
102 mm a Bettola (PC)
95.8 mm a Ligonchio (RE)
93.2 mm a Bobbio (PC)
84.4 mm a Salsomaggiore Terme (PR)
80.6 mm a Lughero (PR)
80.3 mm a Bacedasco alto (PC)

Articolo completo su Emilia Romagna Meteo

Fonte Articolo: 
Andrea Raggini