In pubblicazione il 5 GIU 2016

5 giugno: giornata mondiale dell'ambiente

Il tema del 2016: lo spreco di cibo. Su ogni 4 calorie di cibo prodotto, una viene sprecata


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

I progressi nelle previsioni meteo e climatiche hanno contribuito a incrementare la produttività agricola. Tuttavia, una su ogni quattro calorie prodotte dal sistema agricolo globale viene persa o sprecata, Questo pone una seria sfida alla capacità del pianeta per ridurre la fame e soddisfare le esigenze alimentari di una popolazione mondiale in rapida espansione.

La Giornata Mondiale dell'Ambiente (World Environment Day =WED), che quest'anno porta appunto il tema 'Think.Eat.Save - Ridurre il Foodprint', richiama l'attenzione sulla riduzione delle spreco di cibo.

Più della metà del cibo perduto e sprecato in Europa, Stati Uniti, Canada e Australia si verifica nella fase di consumo. Al contrario, nei paesi in via di sviluppo, circa i due terzi del cibo persi e sprecati si verificano  dopo la raccolta e nello stoccaggio.

La campagna per ridurre la perdita di cibo è stata promossa dal World Resources Institute (WRI) e dal Programma delle Nazioni Unite (UNEP) sulla base dei dati forniti dalla Food and Agriculture Organization delle Nazioni Unite (FAO).


Si dà una serie di raccomandazioni, tra cui lo sviluppo di un standard globale per come misurare, monitorare e segnalare la perdita di cibo e rifiuti. Se ciò che viene misurato viene ben gestito, allora tale protocollo potrebbe aiutare i governi e le aziende a implementare gli sforzi per ridurre la perdita di cibo.

 

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

l secondo freddo alle ore 22.00 del 19 novembre
18 NOV
Ecco dove e quando. Aggiornamento di sabato mattina
18 NOV
Un’area depressionaria, in arrivo sul Mediterraneo occidentale attiverà temporali e venti di burrasca in arrivo sulle regioni centro-meridionali
18 NOV
Scossa di magnitudo 4.0 in una zona nota
18 NOV
Atteso un picco di 120 centimetri
18 NOV
La città nuovamente colpita dal maltempo
17 NOV
Una perturbazione seguita da aria fredda è in evoluzione dall'Egeo verso ovest: oltre 100-150 mm di accumulo