In pubblicazione il 12 AGO 2015

Ancora sull'"alluvione lampo" o "Flash Flood" di questa mattina a Rossano

Le cause...


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

L'alluvione lampo che ha colpito oggi Rossano (Cosenza) è dovuto alla concomitanza di tre sfavorevoli condizioni:

1. la presenza su Meridione del Centro del Vortice di bassa pressione, colmo di aria fresca atlantica, giunto 2 giorni fa al Nord (fig.1). Il vortice dopo avere attraversato in appena 48 ore il Centronord, ha rallentato la sua corsa ed oggi era quasi immobile tra basso Tirreno e Ionio.

 

2. la presenza sui mari adiacenti la Calabria e la Puglia di acque molto più calde della media climatica (fino 30 gradi - fig.2) cosicché l'aria fresca del vortice  quasi immobile non solo ha catturato dal basso molto calore dalla calda superficie marina ma anche molto vapore, condizioni ideali per innescare intensi moti ascensionali convettivi, amplificati sull'ascendenza forzata sui rilievi calabri e  la cui rapida condensazione ha dato luogo a piogge torrenziali

 

 

__________________________________________________________________________

 

La quantità complessiva P di pioggia  raccolta in un dato punto può essere espressa dalla relazione

P (mm) = I•D

Dove


I = intensità della pioggia in mm/ora

D = durata della pioggia in ore

 

 

  • Nubifragio

I è molto grande ( ~ 40-50 mm/ora), D è molto piccolo (~ 1 ora), area interessata < 10 km2

  • Alluvione

I ha valori intermedi (~10 mm/ora), D è molto grande ( ~ 12- 36 ore), area interessata ~ 100 km2

  • Flash Floods (o alluvioni lampo)

 

I è grande (>20- 30 mm/ora) e D abbastanza grande (~ 2< D < 4 ore), area interessata ~ 10km2



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

22 OTT
Dopo questo primo cambio di registro, in cui ci sarà un po’ di tempo per respirare, ne arriverà uno più profondo nella giornata di venerdì
satellite alla ore 16.00 di  domenica 21 ottobre
21 OTT
Prudenza, soprattutto su regioni del medio Adriatico e al Sud
21 OTT
Calo termico e prima neve sull'Appennino centrale
22 OTT
In 50 minuti tre scosse di magnitudo oltre il sesto grado
22 OTT
Una fenomenologia sempre più accentuata dal riscaldamento globale ormai fuori da ogni logica