In pubblicazione il 5 AGO 2015

Disastro in Cadore: forte temporale e frane, impianti di sci e case travolte dal fango. Un morto

Serata di terrore tra Cadore e Valle del Boite a causa di diverse frane. Un morto travolto dal fango


Fonte Immagine: CorriereAlpi

 


Un Forte temporale si è scatenato ieri sera dopo le ore 20 sulle Alpi venete, provincia di Belluno. Si sono registrate almeno 4 frane a causa di questo violento nubifragio ed una di esse ha travolto un turista polacco che è morto sotto il fango. La zona più colpita è quella della Valle del Boite e in Cadore dove è stata chiusa anche la statale di Alemagna e la regionale 48 delle Dolomiti, lasciando fino a tarda sera isolata anche Cortina. Ancora una volta è la provincia di Belluno ad essere fortemente colpita dai temporali, localizzati ma decisamente violenti! Il corpo del turista polacco travolto dalla frana in Cadore è stato individuato attorno alle 8 dai vigili del fuoco di Belluno. Lo sfortunato escursionista si trova a poche decine di metri dal luogo, sul greto del torrente Rusecco, dove i pompieri erano riusciti ieri sera a salvare la moglie. Ci sarebbe però un altra auto avvistata nel fango, sono in corso le dovute verifiche. Una grossa colata di fango e detriti ha investito la località Grava Secca (Auronzo), dove una grossa frana ha spazzato via gran parte di un ponte, interrompendo il passaggio tra Auronzo e Misurina. Gli smottamenti più imponenti, tuttavia, si sono registrati sul versante dell’Antelao sopra San Vito di Cadore, dove le colate di fango e detriti hanno fatto tracimare il torrente Rù Secco, riversando tonnellate di materiale nella centralissima piazza Antelao, dove si registrano ingenti danni ad abitazioni e attività commerciali. Momenti di terrore anche nella seggiovia San Marco dove diverse sono state le auto travolte dal fango. A Cancia l’allarme è scattato poco dopo le 20.30, quando dopo l’attivazione delle sirene (posizionate dopo la frana del luglio 2009) è stato inviato anche un messaggio telefonico di emergenza ai residenti, con conseguente chiusura totale al traffico della strada statale 51 di Alemagna nel tratto tra Borca di Cadore e Dogana Vecchia. Smottamenti anche a Rio Gere (Cortina), nella frazione di Peaio (Vodo) e, soprattutto, a Grava Secca, in Comune di Auronzo di Cadore, dove un grosso smottamento ha spazzato via buona parte di un ponte, sradicando anche i cavi della linea interrata della media tensione. Crollo che ha interrotto i collegamenti sulla strada regionale 48 delle Dolomiti tra Auronzo e Misurina.


Fonte Articolo: Corriere Alpi

ULTIMI ARTICOLI

18 AGO
Nei prossimi giorni caldo in aumento a causa dell'alta pressione dell'Anticiclone Nord Africano, che insisterà soprattutto al Centro e al Sud
17 AGO
L'alta pressione dell'Anticiclone Nord-Africano scatenerà una nuova ondata di caldo, comunque meno intensa della precedente
16 AGO
L'avanzata dell'alta pressione africana porterà in alto le temperature nell'isola, e poi nei giorni successivi anche in altre regioni
15 AGO
Il graduale ritorno dell’alta pressione renderà il tempo stabile, senza far salire eccessivamente le temperature
19 AGO
Clamoroso  insuccesso dei Climatologi
Science
19 AGO
Clamoroso  insuccesso del Climatologi
9 AGO
Rogo a Faenza, ventilazione variabile e la nube di fumo si sposta a Sud Est.
9 AGO
Le correnti dai quadranti nord occidentali sospingeranno la colonna di fumo nero verso sud, sud-est in direzione della costa romagnola