In pubblicazione il 17 LUG 2017

Dust Devil sulla spiaggia di Ostia, dieci feriti

Non è una tromba d'aria, ecco perchè


Fonte Immagine: Web

 


Domenica che ricorderanno in molti ad Ostia. Sul litorale romano nel primo pomeriggio si è verificato un episodio che ha provocato ben 10 feriti. Nessuna tromba d'aria come in moltissimi giornali e siti hanno intitolato, ma il fenomeno visivamente è simile. Per i non addetti ai lavori il cono vorticoso che ha sollevato sabbia ma anche molti lettini ed ombrelloni in spiaggia è riconducibile ad una tromba d'aria, ma non è così. Il cono è quello tipico della tromba d'aria ma il cielo è nettamente diverso. Quando si verifica una tromba d'aria il cielo è scuro e minaccioso perchè in presenza di un temporale. In questo caso si è trattato di un Dust Devil che avviene anche con cielo sereno o poco nuvoloso. La sua formazione è causata da un eccessivo surriscaldamento della superficie di un suolo secco e caldo che, in presenza di una leggera depressione sovrastante, genera un mulinello di aria che può crescere in dimensioni e in potenza. L'afflusso di aria relativamente calda dalle aree circostanti mantiene in equilibrio il vortice,che nella sua corsa è in grado di raccogliere e aspirare polvere, sabbia e qualche oggetto. Quando infine il vortice arriva su una superficie relativamente fredda come un prato o un'area in grado di schermarlo, non ha più l'energia e il tempo per riscaldare la nuova aria e quindi l'equilibrio si rompe, provocando il rapidissimo dissolvimento del vortice.


Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

l secondo freddo alle ore 22.00 del 19 novembre
18 NOV
Ecco dove e quando. Aggiornamento di sabato mattina
18 NOV
Un’area depressionaria, in arrivo sul Mediterraneo occidentale attiverà temporali e venti di burrasca in arrivo sulle regioni centro-meridionali
17 NOV
Allerta meteo arancione per temporali e vento forte sulla regione Calabria
18 NOV
Scossa di magnitudo 4.0 in una zona nota
18 NOV
Atteso un picco di 120 centimetri
18 NOV
La città nuovamente colpita dal maltempo
17 NOV
Una perturbazione seguita da aria fredda è in evoluzione dall'Egeo verso ovest: oltre 100-150 mm di accumulo