In pubblicazione il 23 DIC 2018

Eruzione del Krakatoa, uno tsunami in Indonesia provoca oltre 220 morti | VIDEO

Un bilancio che continua ad aggravarsi: 850 feriti ed oltre 220 morti. Il video della band travolta durante l'evento

 

 

Un'onda di tsunami alta 20 metri si è abbattuta sulle aree costiere dello stretto della Sonda, tra le isole di Giava e Sumatra, in Indonesia.

Si contano su un bilancio ancora purtroppo provvisorio oltre 220 morti e quasi 850 feriti. Il presidente indonesiano Joko Widodo ha oltretutto dichiatato che il numero delle vittime "crescerà sicuramente". Molte delle aree colpite non sono state ancora raggiunte dai soccorritori.

Tsunami innescato dalle frane sottomarine frutto dell'eruzione del vulcano Krakatoa, nella suddetta isola vulcanica Anak Krakatau. Non si hanno al momento notizie di stranieri tra le vittime, ma nelle aree colpite ci sono spiagge molto frequentate dal turismo internazionale nel periodo natalizio, alcune delle zone colpite sono a Banten, principalmente nel distretto di Pandeglang.


Danneggiati molti alberghi e altre costruzioni lungo le coste. Le autorità hanno invitato le popolazioni delle aree colpite a stare lontano dalla costa perché non sono escluse ulteriori onde anomale.

L’isola vulcanica di Anak Krakatau è emersa circa 90 anni fa attorno al vulcano Krakatoa. Nel 1883 il vulcano ha fatto registrare una delle più violente eruzioni di tutti i tempi, con un bilancio di 30.000 morti.

In questi minuti ci giungono i video pubblicati da media locali che mostrano l'onda devastante che si è abbattuta sul palco dove si stava esibendo una band rock, i Seventeen: il bassista è rimasto ucciso insieme al manager, altri 4 componenti del gruppo risultano tra gli oltre 80 dispersi nella tragedia



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

18 AGO
Nei prossimi giorni caldo in aumento a causa dell'alta pressione dell'Anticiclone Nord Africano, che insisterà soprattutto al Centro e al Sud
17 AGO
L'alta pressione dell'Anticiclone Nord-Africano scatenerà una nuova ondata di caldo, comunque meno intensa della precedente
16 AGO
L'avanzata dell'alta pressione africana porterà in alto le temperature nell'isola, e poi nei giorni successivi anche in altre regioni
15 AGO
Il graduale ritorno dell’alta pressione renderà il tempo stabile, senza far salire eccessivamente le temperature
20 AGO
Forti raffiche di vento, operazioni difficili
19 AGO
Clamoroso  insuccesso dei Climatologi
9 AGO
Rogo a Faenza, ventilazione variabile e la nube di fumo si sposta a Sud Est.
9 AGO
Le correnti dai quadranti nord occidentali sospingeranno la colonna di fumo nero verso sud, sud-est in direzione della costa romagnola