In pubblicazione il 28 APR 2016

Gelate tardive micidiali in Abruzzo: guardate che disastro!

Piante rovinate dopo l'ondata di freddo


Fonte Immagine: Lucio Santilli

 

Un Inverno mite, una prima parte di primavera calda, con giornate passate a mezza manica anche in montagna e picchi termici che hanno sfiorato i +30°C in queste valli, poi l'arrivo del freddo. Un freddo tosto: in queste terre, dell'Abruzzo interno, quando il cielo rasserena in caso di ondate di aria fredda in quota possono vedere gelate intense e così è stato. Peccato però che siamo a fine aprile con le piante ormai in anticipo di quasi un mese. E così, dopo la neve del 25 aprile caduta fin sui 500 metri di quota, il veloce rasserenamento dei cieli ha portato la temperatura a scendere sotto lo zero. E la situazione, a due giorni di distanza, appare davvero critica. Guardate la foto sopra che ritrae una vite completamente bruciata dalla gelata! Ma anche ciliegio, noci e melo hanno visto il loro fiore bruciare e cadere. Un danno enorme! Ringraziamo Lucio Santilli per le foto I basso le foto di: -Noci -Noci -Mele -Ciliegie
Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

19 SET
Nella nuova settimana si volterà pagina, la lunga fase settembrina verrà archiviata
19 SET
Vortice mediterraneo porterà intense precipitazioni
Pressione all quota media di 5500m domneivca 23
18 SET
Un ultimo fine settimana con temperature fino a 30 gradi
satellite ore 10.50 di martedì
18 SET
Una perturbazione Nord africana in arrivo martedì 18 settembre
18 SET
Un nuovo studio raddoppia le morti provocate dallo smog
17 SET
Mete turistiche più appetibili dal punto di vista climatico
Radar meteo Protezione Civile ore 16.40
14 SET
Temporali sparsi, temperature per lo più sotto 30 gradi