In pubblicazione il 26 SET 2018

Il fortissimo terremoto nel Centro Italia del 26 Settembre 1997

Magnitudo 6.0, 11 vittime


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Esattamente 21 anni fa alle 11.07 del 26 settembre un forte terremoto colpi' l'Italia al cuore. Tra Umbria e Marche una potente scossa di terremoto distrusse molti centri abitati. La prima scossa di magnitudo 5.6, alle 2.33, colpì una vasta area dell'Italia centrale, localizzata lungo l'asse della dorsale montuosa degli Appennini, tra Umbria e Marche. L'epicentro fù localizzato in prossimità di Colfiorito, una frazione del Comune di Foligno. Numerose case furono danneggiate gravemente dal sisma, specialmente quelle dei comuni di Foligno e di Nocera Umbra, dove risultò inagibile circa l'85% degli immobili. Due le vittime.

Non è sbagliato affermare che grazie a questa scossa in moltissime persone si salvarono. Si perchè le persone rimasero fuori dalle proprie abitazioni, moltissime non andarono a lavoro e la mattina molte scuole furono chiuse o per precauzione o per inagibilità. Poche ore dopo la scossa piu' forte. Una fortissima scossa di magnitudo 6.0 venne registrata alle 11.40 con una profondità di 9.8 km ed epicentro ad Annifo che sconvolse ancora moltissimi paesi tra l'Umbria e le Marche. Fu questo il maggiore evento registrato. Dopo le due vittime del mattino, si aggiunsero altre otto vittime. Tra queste quattro persone morirono nella Basilica di San Francesco. La chiesa durante la notte aveva subito danni agli affreschi di Giotto e Cimabue ed in quel momento era in atto un sopralluogo da parte di alcuni tecnici, ingegneri, giornalisti e frati. Durante la scossa una delle volte della basilica superiore crollò.


Nella sola Umbria furono quasi 33 mila gli edifici danneggiati, tra cui la Basilica di San Francesco ad Assisi, per un totale di circa 80 mila case danneggiate tra le due regioni. In qui drammatici eventi persero la vita 11 persone, un centinaio furono i feriti mentre le persone evacuate furono 22.604. In tutto furono colpiti 76 comuni fra cui Assisi, Gubbio, Foligno, Norcia, Valfabbrica, Gualdo Tadino, Nocera Umbra e Sellano, in Umbria. Nelle Marche i danni più rilevanti si registrarono nei comuni di Serravalle del Chienti, Camerino, Fiordimonte, Castelsantangelo sul Nera.



Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

18 AGO
Nei prossimi giorni caldo in aumento a causa dell'alta pressione dell'Anticiclone Nord Africano, che insisterà soprattutto al Centro e al Sud
17 AGO
L'alta pressione dell'Anticiclone Nord-Africano scatenerà una nuova ondata di caldo, comunque meno intensa della precedente
16 AGO
L'avanzata dell'alta pressione africana porterà in alto le temperature nell'isola, e poi nei giorni successivi anche in altre regioni
15 AGO
Il graduale ritorno dell’alta pressione renderà il tempo stabile, senza far salire eccessivamente le temperature
20 AGO
Forti raffiche di vento, operazioni difficili
19 AGO
Clamoroso  insuccesso dei Climatologi
Science
19 AGO
Clamoroso  insuccesso del Climatologi
9 AGO
Rogo a Faenza, ventilazione variabile e la nube di fumo si sposta a Sud Est.