In pubblicazione il 21 LUG 2016

Il terremoto del Vulture del 23 Luglio 1930

Tante vittime a causa di case non antisismiche


Fonte Immagine: Terremoto 1930

 

Le prime luce dell'alba del 23 luglio 1930 tra Villanova dei Battista, Trevico e Lacedonia-Aquilonia mostro' case sventrate, lesionate, completamente crollate, morti e feriti. Alle ore 01.10 una forte scossa di terremoto si scateno' in Campania in un territorio con case tutte non antisismiche fatte di pietra, calce e legno e molto affollate.

Solamente a Trevico ci sono stati 200 morti, 450 feriti di cui 40 in modo grave, 45 orfani, 150 case distrutte, 400 case crollate, 220 case inabitabili, 700 case con lesioni. La scossa colpì una vasta area dell’Italia meridionale compresa tra l’Alta Irpinia e la zona del Vulture, coinvolgendo le province di Napoli, Avellino, Benevento, Foggia, Potenza e Salerno.


1404 le vittime dell'evento dopo la Scossa di Terremoto di Magnitudo 6.7. Nonostante la zona sia stata interessata da terremoti anche prima di questa data le case non furono costruite con metodi idonei e quindi i morti furono tantissimi proprio per questo.



Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

18 NOV
Un’area depressionaria, in arrivo sul Mediterraneo occidentale attiverà temporali e venti di burrasca in arrivo sulle regioni centro-meridionali
17 NOV
Allerta meteo arancione per temporali e vento forte sulla regione Calabria
17 NOV
Si prevedono forti nevicate su vaste aree del sud-est asiatico e parte dell'Europa orientale
18 NOV
Scossa di magnitudo 4.0 in una zona nota
18 NOV
Atteso un picco di 120 centimetri
18 NOV
La città nuovamente colpita dal maltempo
17 NOV
Una perturbazione seguita da aria fredda è in evoluzione dall'Egeo verso ovest: oltre 100-150 mm di accumulo