In pubblicazione il 21 LUG 2016

Il terremoto del Vulture del 23 Luglio 1930

Tante vittime a causa di case non antisismiche


Fonte Immagine: Terremoto 1930

 

Le prime luce dell'alba del 23 luglio 1930 tra Villanova dei Battista, Trevico e Lacedonia-Aquilonia mostro' case sventrate, lesionate, completamente crollate, morti e feriti. Alle ore 01.10 una forte scossa di terremoto si scateno' in Campania in un territorio con case tutte non antisismiche fatte di pietra, calce e legno e molto affollate.

Solamente a Trevico ci sono stati 200 morti, 450 feriti di cui 40 in modo grave, 45 orfani, 150 case distrutte, 400 case crollate, 220 case inabitabili, 700 case con lesioni. La scossa colpì una vasta area dell’Italia meridionale compresa tra l’Alta Irpinia e la zona del Vulture, coinvolgendo le province di Napoli, Avellino, Benevento, Foggia, Potenza e Salerno.


1404 le vittime dell'evento dopo la Scossa di Terremoto di Magnitudo 6.7. Nonostante la zona sia stata interessata da terremoti anche prima di questa data le case non furono costruite con metodi idonei e quindi i morti furono tantissimi proprio per questo.



Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

24 MAG
Continua la fase piovosa e relativamente fresco. All'orizzonte però si intravede la possibilità di un primo cambiamento dello scenario meteorologico
24 MAG
Ecco perché piogge e fresco insistono ormai da 2 mesi. Occhio alla legge di compensazione!
Satellite alla ore 09.00 di venerdì 24
24 MAG
Anticiclone africano ancora... in lista di attesa
23 MAG
Un'evoluzione su tre principali fasi: il weekend sarà di nuovo instabile
23 MAG
Ancora molti temporali, anche di forte intensità
22 MAG
Sisma avvertito tra piacentino e parmense
22 MAG
Imponente frana a causa delle continue precipitazioni