In pubblicazione il 28 LUG 2015

Incendi: è la Campania la regione piu' colpita in Italia

La Valle d'Aosta la migliore nella prevenzione degli incendi secondo i dati del Corpo Forestale dello Stato


Fonte Immagine: Web

 


Cosa c'è di più bello nell'osservare un bosco in Montagna? Vedere le montagne piene di verde. Eppure a qualcuno danno fastidio. Non si sa bene per quale motivo ma qualcuno si diverte ad eliminare questa risorsa immensa che abbiamo. E così ogni anno sono tantissimi gli Incendi, ovviamente quasi tutti dolosi, ad essere accesi in Italia. Spesso è la mano coscente dell'uomo, a volte però è semplicemente imprudenza, per esempio una sigaretta finita buttata a lato della strada. Oltre alla distruzione di un bosco bisogna mettere in conto la distruzione degli "abitanti" del posto, che siano umani o animali. Il Corpo forestale dello Stato afferma che: "Ogni 200 incendi, 199 sono causati dall'uomo, un incendio ogni quattro è provocato volontariamente, uno ogni tre è causato dalla sottovalutazione dei pericoli di chi accende un fuoco per ripulire dalla vegetazione secca il terreno o per distruggere i residui delle potature. " In base ai dati diffusi dal Corpo Forestale dello Stato, sono stati riscontrati in Italia 1.306 incendi boschivi tra il 1 gennaio e il 1 luglio 2015. Una superficie totale colpita di 6.215 ettari. Le regioni più colpite dai roghi nel primo semestre 2015 sono state: la Campania (199), la Calabria (173), il Piemonte(155) e la Puglia (105). I dati che trovate nelle tabelle dell'Immagine 1 e 3 sono aggiornate al 28 Giugno. Nell'immagine numero 2, invece, potete vedere gli incendi dagli anni '70 al 2010. Come potete vedere il picco più alto si è avuto tra il 1980 ed il 1995, negli ultimi anni tutte le regioni insieme agli enti predisposti stanno facendo una dura guerra a questi atti crudeli ed i risultati si notano. Dal 1970 a oggi il numero di incendi è stato variabile: dai 6 mila agli 11 mila. Negli ultimi due anni questa cifra si è attestata intorno ai 3.000. Anche le superfici che, negli anni più bui per l’ambiente del 1983 e del 2007 hanno raggiunto rispettivamente 212mila e 227mila ettari, nel 2013 e 2014 si sono attestate intorno ai 30mila ettari.


Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

22 OTT
Dopo questo primo cambio di registro, in cui ci sarà un po’ di tempo per respirare, ne arriverà uno più profondo nella giornata di venerdì
satellite alla ore 16.00 di  domenica 21 ottobre
21 OTT
Prudenza, soprattutto su regioni del medio Adriatico e al Sud
21 OTT
Calo termico e prima neve sull'Appennino centrale
22 OTT
In 50 minuti tre scosse di magnitudo oltre il sesto grado
22 OTT
Una fenomenologia sempre più accentuata dal riscaldamento globale ormai fuori da ogni logica