In pubblicazione il 16 MAG 2018

L’eccezionale ciclone del Cile

Un fenomeno senza precedenti al largo delle coste cilene, paragonabile alle intense depressioni che sempre più spesso si formano anche al di sopra del Mediterraneo


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Negli ultimi giorni un fenomeno meteorologico alquanto insolito è stato osservato di fronte alle coste del Cile Meridionale, dove si è formato un ciclone subtropicale, ovvero una tempesta ibrida molto simile ai medicane (MEDiterranean hurriCANE) che talvolta si formano sui mari attorno alla nostra Penisola. Queste particolari tempeste, note anche come TLC (Tropical Like Cyclone) mostrano infatti caratteristiche da cicloni tropicali pur mantenendo una struttura che rimane fondamentalmente “baroclina” (vi è scontro tra masse d’aria dalle proprietà termo-igrometriche differenti), cioè tipica delle perturbazioni delle medie latitudini, a cui sono associati un fronte freddo e un fronte caldo.

 

Ma dove sta l’eccezionalità di tale evento? Fondamentalmente nel fatto che tempeste di questo tipo di solito nascono quando delle perturbazioni delle medie latitudini si trovano a scorrere al di sopra di acque molto calde, capaci di portare i fenomeni convettivi (cioè lo sviluppo di intense correnti di aria calda e umida che si muovono verso l’alto) ad avere il sopravvento sui processi di natura dinamica, cioè quelli alimentati dallo scontro tra aria fredda e aria calda: in queste occasioni la tempesta acquista alcune caratteristiche tipiche dei cicloni tropicali, tra cui il classico occhio centrale, e diviene inevitabilmente più intensa e insidiosa.

Tuttavia le acque del Pacifico nella regione in cui si è formato questo ciclone subtropcale sono tutt’altro che calde. La temperatura superficiale del mare si aggira infatti attorno ai 18-20 gradi, e quindi ben lontana da quei 26 gradi che normalmente vengono considerati la soglia minima indispensabile per la formazione di cicloni tropicali e TLC. In effetti, questa è la prima volta in assoluto che in tale regione del Mondo si forma un ciclone subtropicale: insomma, siamo di fronte a un evento senza precedenti! Per trovare un fenomeno simile infatti bisogna tornare indietro al 2015 quando un altro ciclone subtropicale, cui venne assegnato il nome di Katie, si formò nei dintorni dell’Isola di Pasqua: si tratta però di una regione del Pacifico posta molto più a ovest, a oltre 2000 chilometri di distanza!

Cosa ha scatenato quindi la genesi di un fenomeno meteo tanto insolito? Di sicuro ha contribuito una vasta e intensa goccia fredda (una massa d’aria fredda presente a tutte le quote) posizionata al di sopra di questa regione, dove quindi la colonna d’aria è divenuta estremamente instabile. Complici probabilmente temperature superficiali del mare più alte del normale e il passaggio (qui piuttosto raro) di una depressione, si sono così innescati fenomeni convettivi tanto intensi da innescare la condensazione di enormi e insolite quantità di vapore, al punto da favorire addirittura la formazione di un vero e proprio ciclone subtropicale.

Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

17 AGO
Porterebbe comunque temporali e calo termico
17 AGO
Ultimi strascichi della Burrasca di Ferragosto con instabilità residua al Sud e su alcune zone del Centro mentre le temperature crescono leggermente
16 AGO
Crollo termico di quasi 10 gradi alla quota di 1500m 
16 AGO
L'Anticiclone delle Azzorre si spingerà sull'Italia regalandoci giornate in prevalenza soleggiate ma con un calo in generale sopportabile