In pubblicazione il 13 GIU 2018

L’uragano Bud sta per colpire il Messico

Il ciclone tropicale si sta indebolendo ma rimane comunque molto pericoloso, soprattutto a causa delle piogge torrenziali


Fonte Immagine: NOAA

 

L’uragano Bud, che nel suo movimento al di sopra delle calde acque del Pacifico Orientale nei giorni passati si è rapidamente intensificato, si appresta ora a investire le regioni nord-occidentali del Messico, compresa la parte più meridionale della Penisola Californiana.

Nelle ultime ore si è notevolmente indebolito: oramai non è più un Major Hurricane, cioè un uragano di categoria superiore, e con venti che soffiano a circa 118 km/h è oramai “solo” un uragano di categoria 1. Nelle prossime ore il ciclone tropicale si indebolirà ulteriormente e prima di raggiungere le coste messicane verrà declassato a tempesta tropicale.


Nonostante ciò il suo arrivo nella regione sta creando notevole apprensione perché, come confermato anche dalle rilevazioni dei satelliti della NASA, le bande di temporali che ruotano attorno al nucleo della tempesta sono cariche di piogge torrenziali che potrebbero causare numerosi allagamenti. I sofisticati strumenti a bordo del satellite Aqua della NASA ha infatti registrato temperature eccezionalmente basse, di circa -62 gradi, al top degli imponenti cumulonembi che accompagnano il ciclone: un indizio di nubi temporalesche particolarmente imponenti e violente.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

26 MAG
Ancora una fase molto instabile con piogge e temporali. Possibile cambi di registro nei primi giorni di giugno
26 MAG
Allerta gialla in 13 regioni: come previsto è arrivata una circolazione depressionaria ora posizionata tra Sicilia e Sardegna
26 MAG
Ma Monsoni in ritardo per un'anomalia presente in maggio nelle acque del Golfo di Guinea 
23 MAG
Ancora molti temporali, anche di forte intensità
22 MAG
Sisma avvertito tra piacentino e parmense
22 MAG
Imponente frana a causa delle continue precipitazioni