In pubblicazione il 13 GIU 2018

L’uragano Bud sta per colpire il Messico

Il ciclone tropicale si sta indebolendo ma rimane comunque molto pericoloso, soprattutto a causa delle piogge torrenziali


Fonte Immagine: NOAA

 

L’uragano Bud, che nel suo movimento al di sopra delle calde acque del Pacifico Orientale nei giorni passati si è rapidamente intensificato, si appresta ora a investire le regioni nord-occidentali del Messico, compresa la parte più meridionale della Penisola Californiana.

Nelle ultime ore si è notevolmente indebolito: oramai non è più un Major Hurricane, cioè un uragano di categoria superiore, e con venti che soffiano a circa 118 km/h è oramai “solo” un uragano di categoria 1. Nelle prossime ore il ciclone tropicale si indebolirà ulteriormente e prima di raggiungere le coste messicane verrà declassato a tempesta tropicale.

Nonostante ciò il suo arrivo nella regione sta creando notevole apprensione perché, come confermato anche dalle rilevazioni dei satelliti della NASA, le bande di temporali che ruotano attorno al nucleo della tempesta sono cariche di piogge torrenziali che potrebbero causare numerosi allagamenti. I sofisticati strumenti a bordo del satellite Aqua della NASA ha infatti registrato temperature eccezionalmente basse, di circa -62 gradi, al top degli imponenti cumulonembi che accompagnano il ciclone: un indizio di nubi temporalesche particolarmente imponenti e violente.

Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

16 OTT
La depressione in avvicinamento da ovest convoglierà sull’Italia umide correnti sciroccali che porteranno molte nuvole e anche qualche pioggia
Satellite meteo ore 14.00 di lunedì 15 ottobre (Air Naval research US NAVY)
15 OTT
Ecco il responso dei principali modelli mondiali
 Pressione media alla quota di 5500m nel periodo 1-10 ottobre
13 OTT
La Vostra opinione, prima di leggere l’articolo
16 OTT
E' il mese giusto per visitare alcune affascinanti mete nel continente africano, ma anche per spingersi all'altro capo del mondo
15 OTT
La Penisola italiana è alle prese con temperature massime che spesso superano i 25°C, valori che normalmente attendiamo nella prima decade di settembre