In pubblicazione il 10 SET 2018

L’uragano Florence ha scelto la costa Est degli Stati Uniti

Paura tra la popolazione degli USA: uragano in arrivo venerdì tra Nord e Sud Carolina


Fonte Immagine: NOAA

 

Abbiamo parlato in questo articolo delle probabili ipotesi dell’evoluzione dell’uragano Florence ora in pieno Atlantico. Bene, ci giungono maggiori dettagli circa la tendenza ed è molto probabile che intraprenda l’ipotesi 1, ovvero quella di colpire la East Cost degli USA. L'uragano si sta avvicinando molto velocemente all’obiettivo ed alcune elaborazioni (molte a dire la verità) lo vedono trasformarsi in Major (uragano di categoria 4 o 5) prima di schiantarsi sulla terraferma.

In questo momento Florence è in veloce crescita e dall’attuale categoria 3 (raggiunta nella giornata odierna), a circa 2000 km al largo della Florida, passerà alla categoria 4 già a fine giornata di domani, martedì 11 settembre 2018.

Si presume debba raggiungere la costa orientale degli stati uniti nella mattinata di venerdì 14 settembre. Ancora presto per definire l’esatta traiettoria, ma il centro nazionale americano ha individuato la zona rossa sulla fascia costiera compresa tra la Georgia e la Virginia, con la Nord e Sud Carolina al centro.

Il tratto oceanico che sta attraversando Florence è molto caldo, fornirà quindi energia utile al rinforzo della struttura tempesta. Massima allerta quindi sulla costa est, ove è stato dichiarato lo stato di emergenza.

Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

Temperature previste alle ore 14.00 il  25 settembre
22 SET
 Un evento meteo gradito ai più. Ecco quale
Dalla prossima settimana l'Europa piomba in autunno
21 SET
L’estate settembrina, l’ultima fase prima di un profondo cambiamento del tempo
Temperature a 1500m previste pe r il 25 settembre
21 SET
Arriva la prima staffilata atlantica. Poi una seconda? 
21 SET
Dall'estate... al vero autunno, in poche ore!
22 SET
Video di una telecamera di sicurezza. Penetrando in atmosfera ha provocato un forte boato
20 SET
Ecco le temperature massime raggiunte quest'oggi
18 SET
Un nuovo studio raddoppia le morti provocate dallo smog