In pubblicazione il 2 OTT 2015

L’uragano Joachin minaccia New York e Boston

L’intenso ciclone tropicale, oramai categoria 4 nella scala di classificazione degli uragani, nei prossimi giorni scivolerà lungo le coste orientali del Nord America e minaccia forte maltempo anche su alcune delle principali metropoli degli USA


Fonte Immagine: NOAA

 

Joachin, il violento ciclone tropicale che si trova al largo delle coste sud-orientali del Nord America, è oramai un major hurricane, ovvero un uragano di categoria superiore, con venti a circa 205 km/h e raffiche fino a 250 km/h. Secondo le proiezioni dei meteorologi nel NHC (National Hurricane Center) il violento ciclone tropicale manterrà le caratteristiche di un uragano di categoria 4 fino a tutta la giornata di domani (sabato), e nel suo movimento verso più alte latitudini nel frattempo lambirà le coste orientali del Nord America, accompagnato da venti violentissimi e piogge torrenziali.

Il passaggio dell’uragano, anche se il suo nucleo probabilmente non si addentrerà sul continente, porterà quindi l’inondazione di diversi tratti di costa (in molte zone il livello del mare si alzerà di 2-3 metri), dal South Carolina al Massachussetts, nonché piogge abbondanti su tutti gli stati atlantici, con il rischio di numerosi allagamenti, specie nella regione a ridosso dei Monti Appalachi. Nel complesso si stima che circa 65 milioni di cittadini americani risentiranno degli effetti dell’uragano, e i governatori degli stati della Virginia, del Maryland, del New Jersey e del North Carolina hanno già diramato lo stato di emergenza.


Pur mantenendo le caratteristiche e l’energia di un uragano, Joachin dovrebbe cominciare a indebolirsi già nella giornata di lunedì, e quando passerà sul tratto di Oceano di fronte agli stati nord-orientali degli USA sarà oramai “solo” un uragano di categoria 1, quindi con venti a non più di 150 km/h. Nonostante ciò il vento le abbondanti piogge potrebbero creare non pochi problemi in alcune importanti città della regione, quali ad esempio Boston e New York. Ma a spaventare è soprattutto l’eventualità, per quanto per ora poco probabile, che Joachin cambi la sua traiettoria e investa direttamente il Nordest degli USA: in tal caso le conseguenze infatti potrebbero essere simili a quelle scatenate, poco meno di tre anni, dall’uragano Sandy! 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

23 OTT
Un cambio di rotta sul continente che tutti aspettavamo con tanta ansia. Massime a singola cifra
23 OTT
Venti di favonio ed un contesto già mite potrebbero costituire un mix esplosivo per il Nord Italia
Mercoledì 24: forti correnti settentrionali in quota sul versante Nord alpino; alta pressione sopravvento e bassa sottovento alle Alpi; forti venti da Nord ovest al suolo
23 OTT
Un effetto dell’arrivo di un nuovo nucleo freddo a ridosso delle Alpi
23 OTT
Ancora elevata criticità sui versanti settentrionali della #Calabria Ionica e della #Sicilia tirrenica
22 OTT
Ecco le temperature massime raggiunte quest'oggi
22 OTT
In 50 minuti tre scosse di magnitudo oltre il sesto grado
22 OTT
Una fenomenologia sempre più accentuata dal riscaldamento globale ormai fuori da ogni logica