In pubblicazione il 15 SET 2015

L'area urbana più grande del mondo: grande quasi come l'Umbria

Una città cinese ha tolto il poco invidiabile record a Tokyo


Fonte Immagine: Skeeze su pixabay.com

 

Anche per una nazione conosciuta per i tassi  iperbolici di urbanizzazione, quello che  è successo lungo  il delta del  Pearl River (Zhu San Jiao) in Cina  nel corso degli ultimi decenni, ha dell'incredibile.

Nel 1988, una rete intreccio di fiumi e corsi d'acqua scorreva attraverso terreni alluvionali fertili ricche di risaie, campi di grano, frutteti gelso, e laghetti con pesci. A quel tempo, la regione era prevalentemente rurale, con una popolazione di circa 10 milioni di persone sparse tra diverse città di medie dimensioni, tra cui Shenzhen, Guangzhou, Foshan, Dongguan e. 

Quasi tre decenni più tardi, queste città sono cresciute così rapidamente che si sono fuse in una megalopoli interconnessa con una popolazione (42 milioni), superiore a quella di Australia, Argentina, o in Canada.

Le immagini satellitari sopra illustrano la drammatica crescita.


 La prima immagine è stata acquisita dal satellite Landsat 5 il 24 novembre 1988; la seconda immagine è stata acquisita dal Landsat 8, il 16 novembre, 2014.  Le aree rurali , i terreni agricoli e le foreste appaiono verdi. Le aree urbane sono grigio e bianco. 

 Se preso come una sola entità, il Pearl River Delta regione ha superato Tokyo come area urbana  più grande del mondo  per dimensione e popolazione.  Tra il 2000 e il 2010, le aree urbane del Delta del  Pearl River hanno coperto oltre il 50 per cento del paesaggio circa  7.000 chilometri quadrati, ovvero come una unica città quadrata di 85 km di lato. (Nel 2010, Tokyo aveva una popolazione di circa 32 milioni di persone e coperto circa 5.600 chilometri quadrati.)

 



Fonte Articolo: http://earthobservatory.nasa.gov

ULTIMI ARTICOLI

22 OTT
Diverse parentesi di maltempo in vista, ma non mancheranno anche momenti più stabili con spazi sereni
Radar meteo alle oltre 19.10 di domenica 21 ottobre (Protezione Civile)
22 OTT
I forti venti dovuti al passaggio di una dry line da Bora
22 OTT
Dopo questo primo cambio di registro, in cui ci sarà un po’ di tempo per respirare, ne arriverà uno più profondo nella giornata di venerdì
22 OTT
Ecco le temperature massime raggiunte quest'oggi
22 OTT
In 50 minuti tre scosse di magnitudo oltre il sesto grado
22 OTT
Una fenomenologia sempre più accentuata dal riscaldamento globale ormai fuori da ogni logica