In pubblicazione il 29 LUG 2015

L'Ovest degli USA in fiamme

Il 2015 è stato fin ora record per gli incendi su Alaska, Montana, California. Le ripercussioni sul clima globale


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

 Il Montana Glacier National Park è in fiamme . Martedì, circa 3.200 acri (1 acro ~ 4000 m2 ) del parco sono stati inghiottiti da un incendio, che è iniziato una settimana fa . L'incendio nel  Glacier National Park è solo un altro esempio del flagello degli incendi nel 2015  per gli Stati occidentali. Afflitti da alte temperature , poco manto nevoso , e persistente siccità , gli stati da Alaska a California hanno raggiunto il poco invidiabile record  storico di incendi. A partire da Martedì, 34.995 incendi di grandi dimensioni avevano bruciato oltre 5.569.671 acri nel 2015 - quasi 2 milioni di acri di sopra della media a 10 anni.

Nel solo Alaska, gli incendi di tutte le dimensioni hanno bruciato quasi 5 milioni di acri ,  la stagione peggiore mai verificatesi.

Gli Incendi dell'Alaska sono particolarmente preoccupanti perché nello stato vi sono vaste aree  di permafrost - il suolo permanentemente ghiacciato al cui interno  contiene più carbonio rispetto a quello attualmente contenuta nell'atmosfera. Gli Incendi bruciano via lo strato superiore del suolo, sia che si tratti di alberi, cespugli, foglie, o altro materiale che poggia su un pavimento di foresta. Ma in Alaska, i sempre più potenti incendi non solo  hanno spogliato lo strato superiore di materiale organico  ma bruciano anche la materia organica sottostante, rimuovendo lo strato protettivo di alberi e aghi di pino che isola il permafrost dai raggi del sole. Senza questo strato protettivo, il calore del sole ha più facile possibilità  per  scongelare il permafrost dalla materia organica congelata, liberando  gas serra pericolosi, come l'anidride carbonica e metano, nell'atmosfera.


Alaska ha subito rapidi cambiamenti climatici negli ultimi 50 anni, il riscaldamento di oltre 3 gradi Fahrenheit . Ma ha visto anche un notevole aumento della lunghezza e l'intensità della sua stagione degli incendi - cosa che potrebbe accelerare lo scioglimento del permafrost dell'Alaska, e, a sua volta, aggravare il cambiamento climatico .

 



Fonte Articolo: Natasha Geiling su thinkprogress.org/

ULTIMI ARTICOLI

I due nuclei di aria fredda in arrivo dal Nordest europeo visti alla quota di 5500m visti domenica 18 e martedì 20 novembre
16 NOV
Prima ondata, moderata. La seconda invece intensa 
15 NOV
Attese nevicate lungo la dorsale appenninica dei versanti adriatici e sui settori Alpini (qui in forma più debole)
15 NOV
L’aria fredda inizierà a fluire dalle prime ore, attenzione al maltempo localmente intenso
15 NOV
La nostra opinione sulla base degli indici climatici più importanti
16 NOV
Allagamenti sulla costa nord orientale
16 NOV
E' la 3° eruzione dell'anno | VIDEO
15 NOV
Nel 1952 la capitale inglese rimase intrappolata per numerosi giorni in una cappa di fitta nebbia intrisa di sostanze inquinanti, con gravi conseguenze sulla cittadinanza
14 NOV
Lettera inviata al sindaco di Rocca Pietore da Achille di Mira (Venezia)