In pubblicazione il 29 GEN 2016

Tasmania devastata prima dagli incendi ed ora da piogge torrenziali

Situazione critica su molte aree


Fonte Immagine: web

 


In un mese oltre 70mila ettari di foresta, nella parte occidente dell'isola, sono andati in fumo: un inizio di 2016 terrificante per la Tasmania. Le fiamme hanno fatto strage di King Billy Pine (Athrotaxis Selaginoides, alto fino a 30 metri), di Pencil Pine (Athrotaxis Cupressoides), due conifere di origini antichissime, e di Fagus (faggio australe). Molti i parchi chiusi per il pericolo di incendi. Dopo gli incendi ora sono le piogge a preoccupare. Le piogge torrenziali nelle ultime ore stanno battendo soprattutto l'Est del paese, quindi la zona meno colpita dagli incendi: si sono registrate punte di 200 millimetri al giorno, 80 mm nella città di Launceston, la seconda dell'isola e la più grande del Nord, provocando inondazioni e devastazione. L'amministrazione locale ha dovuto creare un centro d'emergenza, dopo che alcuni dei viaggiatori di passaggio rimasti bloccati hanno tentato inutilmente di prenotare gli alberghi, tutti esauriti e in qualche caso allagati. La zona infatti è molto turistica. A Swansea, a ridosso del parco del Freycinet la pioggia ha pesantemente danneggiato i raccolti (coltivazioni di papaveri, fragole e frutti di bosco).


Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

23 OTT
Un cambio di rotta sul continente che tutti aspettavamo con tanta ansia. Massime a singola cifra
23 OTT
Venti di favonio ed un contesto già mite potrebbero costituire un mix esplosivo per il Nord Italia
Mercoledì 24: forti correnti settentrionali in quota sul versante Nord alpino; alta pressione sopravvento e bassa sottovento alle Alpi; forti venti da Nord ovest al suolo
23 OTT
Un effetto dell’arrivo di un nuovo nucleo freddo a ridosso delle Alpi
23 OTT
Ancora elevata criticità sui versanti settentrionali della #Calabria Ionica e della #Sicilia tirrenica
22 OTT
Ecco le temperature massime raggiunte quest'oggi
22 OTT
In 50 minuti tre scosse di magnitudo oltre il sesto grado
22 OTT
Una fenomenologia sempre più accentuata dal riscaldamento globale ormai fuori da ogni logica