In pubblicazione il 7 NOV 2018

10 Novembre 1918, forte scossa di terremoto in Romagna

Circa 20 le vittime, molti i danni


Fonte Immagine: web

 

L'Appennino romagnolo è una delle zone piu' sismiche in Emilia Romagna. Negli anni della prima guerra mondiale la situazione qui fu pesantissima a causa anche di un  serie di forti terremoti. Nel 1916 un forte sisma di magnitudo 5.8 colpi' l'area di Rimini, Riccione e Cattolica il 17 maggio mentre una seconda forte scossa, di magnitudo 5.9, colpi' il 16 agosto sempre quella zona con crolli importanti.  Nel 1917 una nuova forte scossa di magnitudo 5.9 il 26 aprile colpi' la Val Tiberina con danni fra Toscana ed Umbria ma anche nei borghi dell'alto Appennino romagnolo.
Nel pomeriggio del 10 novembre 1918, invece, un forte terremoto di magnitudo 5.8 colpì l’Appennino forlivese con i massimi effetti a Santa Sofia, Galeata, Mortano, Bagno di Romagna con gravi danni alle abitazioni. I morti furono una ventine e centinaia i feriti.


 



Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

17 NOV
Allerta meteo arancione per temporali e vento forte sulla regione Calabria
17 NOV
Si prevedono forti nevicate su vaste aree del sud-est asiatico e parte dell'Europa orientale
17 NOV
Una colata fredda in discesa dall’Artico adeguerà l’assetto per le prime nevicate a quote basse
16 NOV
Piogge e rovesci anche intensi sul basso Adriatico e sulle aree ioniche. Generalmente discreto sulle restanti aree, clima più fresco
18 NOV
Atteso un picco di 120 centimetri
18 NOV
La città nuovamente colpita dal maltempo
17 NOV
Una perturbazione seguita da aria fredda è in evoluzione dall'Egeo verso ovest: oltre 100-150 mm di accumulo
17 NOV
Eravamo abituati a temperature troppo miti per il periodo