In pubblicazione il 10 NOV 2015

Autunno, curare di più il corpo per sentirsi meglio

Se di fronte allo specchio vi vedete un po’ più belli del solito, vi sentirete senz’altro ricaricati anche di dentro


Fonte Immagine: PublicDomainPictures.net

 

L’autunno con primi bruschi, seppure temporanei,  freddi, con le numerose giornate nebbiose o caliginose e,spesso, grigie o piovose,  è, notoriamente, la stagione che più delle altre induce momenti di tristezza e di malinconia fino a alla ricomparsa di stati depressivi che si erano sopiti nel resto dell’anno.

Tuttavia per tenere lontano il malumore scatenato dal tempo uggioso non vi è migliore cura che sentirsi in forma e in armonia con il proprio corpo.

 Ecco perché per la malinconia sono un efficace antidoto gli esercizi ginnici, la palestra, la cura del viso e della pelle. Insomma se di fronte allo specchio ci vediamo un po’ più belli del solito, ci sentiremo senz’altro ricaricati anche di dentro.

 Per questo non vanno trascurati soprattutto i capelli che proprio in autunno entrano in crisi e divengono opachi e spenti, indeboliti dal cambio del nostro metabolismo e dalle intemperie stagionali, con conseguente perdita di volume e lucentezza.

Un consiglio da parte del vostro parrucchiere  e l’impiego di prodotti ad hoc, purché di qualità, sono gli strumenti più efficaci per mantenere  i capelli al massimo splendore. Sentirsi a posto dalla… testa ai piedi  è insomma il modo migliore per contrastare l’abbassamento della soglia umorale.

Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

Flessione termica attesa nella giornata di lunedì
20 SET
Temperature anomale continuano ad interessare la Penisola, ma da lunedì cambierà tutto
19 SET
Nella nuova settimana si volterà pagina, la lunga fase settembrina verrà archiviata
19 SET
Vortice mediterraneo porterà intense precipitazioni
Pressione all quota media di 5500m domneivca 23
18 SET
Un ultimo fine settimana con temperature fino a 30 gradi
20 SET
Ecco le temperature massime raggiunte quest'oggi
18 SET
Un nuovo studio raddoppia le morti provocate dallo smog