In pubblicazione il 17 GIU 2015

Cambiamento climatico e violenza

Incremento dell’aggressività legato all’aumento delle temperature medie


Fonte Immagine: D.C. Crime Stories

 

Man mano che crescono le temperature medie planetarie aumentano di pari passo anche la nostra predisposizione all’ostilità e alla violenza. Questi almeno sono i risultati di una recente ricerca condotta da studiosi della Berkeley University e della Princeton University.

Gli studiosi infatti hanno scoperto esservi, a livello planetario, un forte legame tra le variazioni climatiche e l’aumento della violenza: in particolare dalla ricerca è emerso che anche cambiamenti climatici relativamente contenuti, come ad esempio lievi variazioni delle precipitazioni o delle temperature medie, possono aumentare notevolmente il rischio che esplodano episodi violenti e conflitti.

In particolare gli studiosi hanno scoperto che il legame tra variazioni climatiche e comportamento violento è forte sia su piccola scala, come può essere per l’aumento di aggressioni, assassinii o abusi domestici, che su scala più grande, con lo scatenarsi di tumulti di varia gravità che possono sconfinare in veri e propri episodi di guerra civile


Per giungere a queste conclusioni gli scienziati hanno incrociato fra loro una grande mole di dati di varia natura, che coprono le ultime migliaia di anni di Storia: in particolare sono state prese in considerazione informazioni e dati di natura economica, politica, archeologica, geografica e psicologica.

Diversi gli eventi dell’ultimo periodo in cui i ricercatori hanno riconosciuto l’evidente influenza delle variazioni climatiche: innanzitutto il caos in cui è piombata negli ultimi decenni la Somalia, dove un ruolo fondamentale l’avrebbero giocato il sensibile aumento delle temperature medie e l’instaurarsi di un prolungato e grave periodo di siccità; il notevole incremento degli episodi di violenza domestica registrato in India nell’ultimo periodo e causato molto probabilmente da un evidente aumento del caldo; gli scontri per le terre da coltivare in Brasile, il cui numero aumenta chiaramente in coincidenza con le annate in cui le piogge si mostrano più anomale e irregolari. 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

l secondo freddo alle ore 22.00 del 19 novembre
18 NOV
Ecco dove e quando. Aggiornamento di sabato mattina
18 NOV
Un’area depressionaria, in arrivo sul Mediterraneo occidentale attiverà temporali e venti di burrasca in arrivo sulle regioni centro-meridionali
17 NOV
Allerta meteo arancione per temporali e vento forte sulla regione Calabria
18 NOV
Scossa di magnitudo 4.0 in una zona nota
18 NOV
Atteso un picco di 120 centimetri
18 NOV
La città nuovamente colpita dal maltempo
17 NOV
Una perturbazione seguita da aria fredda è in evoluzione dall'Egeo verso ovest: oltre 100-150 mm di accumulo