In pubblicazione il 21 LUG 2015

Condizionatore sì o condizionatore no?

Siamo nel pieno di una ondata di caldo su quasi tutta la penisola e allora in queste situazioni è necessario aiutare il corpo a raffreddarsi. Consigli pratici per l'impiego del condizionatore


Fonte Immagine: Klimatyzator_jedn_wewn_beax.jpg

 

Contro il caldo afoso l'uso di condizionatori d’aria è senza dubbio l'arma più efficace utile, perché non solo è in grado di fornire un comfort adeguato, ma è di fondamentale aiuto per i cardiopatici in quanto riduce di molto gli sforzi cardiocircolatori necessari per combattere eccessivi sbalzi di temperature o ondate di caldo eccezionali.

Ma il condizionatore è un’arma a doppio taglio e, se usato impropriamente, è molto più probabile ricavarne più danni che benefici. Il problema è lo brusco sbalzo di temperatura che il nostro organismo deve sopportare passando da un ambiente caldo e umido a un ambiente condizionato in maniera esagerata (macchina, ufficio, abitazione).

Il nostro corpo infatti non sopporta bruschi sbalzi termici superiori ai 7/8 °C: passare ad esempio da una temperatura di 34 °C a una di 22/23 °C è veramente pericoloso. Per evitare danni alla nostra salute bisognerebbe impostare la temperatura in modo che  non ci siano più di 7-8 gradi di differenza rispetto all’ambiente esterno.


Anche la velocità con cui l’aria esce dal condizionatore va regolata con attenzione: mai puntarsi il getto addosso e comunque mai tenerlo troppo forte. Altrimenti torcicollo, raffreddore, otite, laringite, bronchite sono subito in agguato.

 Gli stessi disturbi possono essere causati anche da altre nostre disattenzioni: rimanere bagnati dopo una nuotata quando soffia un “bel venticello”, viaggiare in auto con i finestrini abbassati, tenere le finestre spalancate mentre si dorme, uscire nelle ore più calde del giorno, dopo essere rimasti a lungo in un locale condizionato. 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

18 MAR
Il tempo tornerà gradualmente stabile al Centro Nord con temperature in aumento
18 MAR
L'aria fredda e la serenità del cielo favoriranno un deciso raffreddamento notturno
Satellite ore 11.00 di lunedì
18 MAR
Si aggrava la siccità su Piemonte Liguria e Toscana
14 MAR
Colpo di coda invernale a partire dal 20 marzo con intrusione di aria più fredda in discesa dalla Groenlandia
18 MAR
L’evento iniziò con un aumento dell'attività stromboliana e con piccole colate laviche sul versante orientale e verso sud. Tanti i paesi che subirono danni
17 MAR
Altissimo il numero delle vittime e le devastazioni in Mozambico, Malawi e Zimbabwe
15 MAR
Il mese di marzo nel nostro Emisfero segna l'inizio della Primavera, ma in alcune zone è capace di regalare un piacevole clima estivo
15 MAR
E' caduta la metà della pioggia attesa nell'intero inverno