In pubblicazione il 31 LUG 2018

Condizionatori in estate. Amici o nemici?

Anche nemici se mal impiegati


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

E’ appena iniziata una nuova ondata di caldo che sta interessando gran parte della penisola.

In queste situazioni è necessario aiutare il corpo a raffreddarsi. 

Per questo anche l’uso di condizionatori d’aria può essere utile, sempre se fatto con cautela e intelligenza, perché non solo è in grado di fornire un comfort adeguato, ma è di fondamentale aiuto per i cardiopatici. In effetti nei cardiopatici riduce di molto gli sforzi cardiocircolatori necessari per combattere eccessivi sbalzi di temperature o ondate di caldo eccezionali. 

Ma il condizionatore è un’arma a doppio taglio e, se usato impropriamente, è molto più probabile ricavarne un danno piuttosto che un beneficio. 

Il problema è lo sbalzo di temperatura che il nostro organismo deve sopportare passando dall’ambiente esterno caldo e umido a un ambiente condizionato in maniera esagerata (macchina, ufficio, abitazione). 


Per evitare danni alla nostra salute bisognerebbe impostare la temperatura in modo che non ci sia troppo raffreddamento al momento del passaggio dall’ambiente caldo a quello freddo climatizzato.

Il nostro corpo non sopporta sbalzi termici superiori ai 6/8 °C: passare ad esempio da una temperatura di 34 °C a una di 20/23 °C è veramente pericoloso. 

Anche la velocità con cui l’aria esce dal condizionatore va regolata con attenzione: mai puntarsi il getto addosso e comunque mai tenerlo troppo forte. Altrimenti torcicollo, raffreddore, otite, laringite, bronchite sono subito in agguato. 

Gli stessi disturbi possono essere causati anche da altre nostre disattenzioni: rimanere bagnati dopo una nuotata quando soffia un “bel venticello”, viaggiare in auto con i finestrini abbassati (sicura congiuntivite agli occhi se siete senza occhiali), tenere le finestre spalancate mentre si dorme (perché il fresco della ore 04.00 di notte, quando siete in pieno sonno è molto più forte di quello avvertito quando alla sera vi coricate), uscire nelle ore più calde del giorno, dopo essere rimasti a lungo in un locale condizionato. 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

18 MAG
L’alta pressione proverà a raggiungere la Penisola, ma il caldo intenso resterà ben lontano
18 MAG
Tra il 22 ed 24 maggio temperature in aumento, ma 40 gradi assolutamente no!
16 MAG
Nuovi fenomeni anche a sfondo temporalesco in estensione dai quadranti nord occidentali. Temperature in aumento al Sud
Temperature previste a 1500m dai più noti modelli
16 MAG
Mai  raggiunti in Italia 40 gradi in maggio
18 MAG
Piogge su gran parte del Centronord
17 MAG
12°C a Catania e 60 mm di pioggia
15 MAG
Lazio, Campania, basso Tirreno  a rischio forti temporali