In pubblicazione il 6 GIU 2016

E' iniziata da deforestazione dell'ultima selva vergine d'Europa

a Polonia ha avviato il piano di deforestazione nella foresta di Bialowieza, Patrimonio mondiale Unesco dal ’79 e dimora degli ultimi bisonti europei


Fonte Immagine: web

 


La deforestazione di Bialowieza, l’ultima selva primordiale d’Europa, è iniziata oggi. Nonostante le proteste della società civile, il nuovo governo della Polonia ha avviato le motoseghe. Il rumore dei camion e degli operai squarcia la quiete del sito, considerato Patrimonio mondiale dell’Unesco dal 1979. Qui, sotto 150 mila ettari di abeti e querce millenari, alti fino a 50 metri, vivono 20 mila specie animali, tra cui 250 specie uccelli e centinaia di bisonti europei, giganti sull’orlo dell’estinzione. Un tempo la foresta di Bialowieza si estendeva in tutto il continente, oggi copre soltanto vaste zone della Polonia e della Bielorussia. Ma ora dovrebbe ridursi ulteriormente se andrà in porto il piano dell’esecutivo polacco. Ufficialmente, la ragione per radere al suolo 188 mila metri cubi di piante è il tentativo di «fermare il degrado delle foreste», ma dietro questa dichiarazione del Ministero dell’Ambiente si nasconde un motivo molto più pratico. Il tetto di 63 mila metri cubi da disboscare per il periodo 2012-2021, infatti, è stato quasi raggiunto. Così, adesso arriva un decreto che triplica il volume di legno recuperabile da Bialowieza. Il ministro dell’Ambiente polacco, Jan Szyszko, ha dato mandato di avviare la deforestazione a causa di una sospetta infestazione del Bostrifo, parassita dell’abete rosso. Ma gli ambientalisti avvertono che il taglio degli alberi distruggerà un ecosistema incontaminato per più di 10 mila anni. «Stiamo invitando la Commissione europea a intervenire prima che il governo polacco consenta la distruzione irreversibile della foresta», ha detto Greenpeace Polonia. Secondo gli attivisti, la presenza del coleottero non pone alcun pericolo per l’ecosistema del bosco. Anche la ONG Client Earth ha sollevato le sue preoccupazioni: «La decisione di moltiplicare la deforestazione non è compatibile con il diritto comunitario, in quanto non è stata preceduta da uno studio di impatto ambientale sulle specie e i siti protetti», ha detto l’avvocato Agata Szafraniuk. Per questo, «un ricorso davanti alla giustizia europea diventa sempre più probabile». Intanto, le motoseghe continuano il loro lavoro Fonte rinnovabili.it


Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

9 DIC
Venti fino a 160-180 chilometri orari sulle montagne di Sardegna e Corsica. Attenzione anche al Val Padana
7 DIC
Dalla serata, una veloce depressione di origine atlantica porterà un peggioramento sulla Liguria e alta Toscana. Mareggiate lungo le coste esposte
7 DIC
Vorresti veramente sapere se sarà un bianco Natale? Purtroppo la scienza non ci permette di spingersi ancora oltre i 7-10 giorni di previsione
9 DIC
Netta differenza termica, ecco perchè
7 DIC
Le temperature massime registrate oggi nella nostra Penisola
7 DIC
In Emilia Romagna divieto ai veicoli diesel in tutte le città