In pubblicazione il 23 GIU 2016

Estate, la stagione del sole

Pregi difetti e virtù dei raggi solari


Fonte Immagine: www.flickr.com

 

La luce solare ha un’importanza fondamentale nel nostro stato di benessere psicofisico: forse non tutti sanno che la luce favorisce la produzione di serotonina, sostanza che provoca una gradevole sensazione di appagamento e che allo stesso tempo ha un’azione rilassante perché riduce la concentrazione nel sangue di ormoni, come noradrenalina e adrenalina, responsabili dello stress.

Un periodo di oscurità prolungato, come quello tipico delle regioni che si trovano alle alte latitudini, ha un’azione deprimente sui nervi e sulla psiche.

Il sole ha anche effetti benefici sullo sviluppo del sistema scheletrico e dà un contributo importante a una più attiva circolazione sanguigna. Inoltre l’esposizione ai raggi del sole assume un’importanza fondamentale nella cura di alcuni disturbi della pelle, come acne o psoriasi.

Ma purtroppo il sole ha anche i suoi aspetti negativi.

I raggi solari riescono infatti a penetrare in profondità nella pelle, con conseguenze in alcuni casi anche gravi: possono arrivare a modificare il codice genetico contenuto nel DNA delle cellule, con il conseguente sviluppo di forme tumorali della pelle. A maggior ragione sono a rischio gli occhi, una parte molto delicata del nostro corpo, che se sottoposta a prolungata esposizione ai raggi ultravioletti può sviluppare malattie anche serie, specie al cristallino e alla cornea. E purtroppo la lista delle conseguenze “negative” dell’esposizione ai raggi solari non finisce qui: eritemi, eczemi, macchie solari, micosi sono altre possibili complicazioni.


A questo punto è lecito chiedersi se faccia bene o meno esporsi alla luce solare: il consiglio migliore resta quello di farlo con la dovuta cautela e moderazione.

 Ecco una serie di consigli che possono tornare utili, alcuni noti, altri meno noti:

 

  • evitare di esporsi nelle ore più calde e affrontare il sole gradualmente, 5-10 minuti in più ogni giorno;
  • utilizzare sempre creme protettive e spalmarsi il prodotto mezz’ora prima di esporsi, rinnovando spesso l’applicazione;
  • fare uso di creme anche se il cielo è coperto o si è al fresco sotto l’ombrellone;
  • proteggere con fattori elevati le zone sporgenti e quelle che durante l’anno non vedono mai il sole (seni, glutei, ventre);
  • reidratare sempre la pelle dopo l’esposizione con un buon doposole;
  • coprire sempre il capo con un cappello, difendere i capelli con prodotti appositi e gli occhi con buoni occhiali da sole;
  • non fidarsi mai di strani impacchi e misture che promettono un’abbronzatura strepitosa;
  • non sottovalutare le esposizioni di breve durata o il sole di inizio estate;
  • iniziare a preparare la pelle circa un mese prima della vacanza, con un ciclo di pillole a base di composti antiossidanti, a base di betacarotene, vitamine C e E, metionina, glutatione;
  • ricordarsi che in montagna la concentrazione di raggi ultravioletti è maggiore per la maggiore altitudine e per l’effetto riflessione da parte della neve;
  • durante l’esposizione bere spesso acqua, perché il sole disidrata in profondità il corpo umano;
  • asciugarsi bene dopo il bagno perché l’effetto lente delle gocce d’acqua favorisce i colpi di sole.

 

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

18 MAR
L'aria fredda e la serenità del cielo favoriranno un deciso raffreddamento notturno
Satellite ore 11.00 di lunedì
18 MAR
Si aggrava la siccità su Piemonte Liguria e Toscana
14 MAR
Colpo di coda invernale a partire dal 20 marzo con intrusione di aria più fredda in discesa dalla Groenlandia
14 MAR
Aria fredda dalla Groenlandia attiverà il classico colpo di coda invernale
17 MAR
Altissimo il numero delle vittime e le devastazioni in Mozambico, Malawi e Zimbabwe
15 MAR
Il mese di marzo nel nostro Emisfero segna l'inizio della Primavera, ma in alcune zone è capace di regalare un piacevole clima estivo
15 MAR
E' caduta la metà della pioggia attesa nell'intero inverno