In pubblicazione il 4 AGO 2015

Estate, riscoprire la voglia di correre

Il correre fa bene perché, secondo la medicina, riduce la pressione arteriosa e il tasso di colesterolo, migliora l’umore e scarica lo stress.


Fonte Immagine: Skeeze pixabay

 

Il gradevole clima estivo, si sa, invoglia la vita all’aria aperta e sono in molti coloro che  decidono di praticano qualche attività fisica o sportiva almeno in questa stagione, specie se nostra passione nel passato. C’è chi ne approfitta per fare lunghe e salutari passeggiate nei boschi, chi invece si traveste da ciclista in erba, chi rispolvera la vecchia ma impegnativa racchetta  da tennis e chi addirittura riscopre la corsa.  Il correre fa bene perché riduce la pressione arteriosa e il tasso di colesterolo, migliora l’umore e scarica lo stress. Però non lasciatevi ingannare:  non è vero che sia un’attività fisica poco impegnativa e quindi praticabile senza alcun accorgimento. Ma i medici mettono in guardia da questa  falsa credenza. Pertanto se non volete correre rischi la prima cosa da fare è rivolgersi al proprio medico curante perché possa verificare l’efficienza o meno del vostro apparato cardio-circolatorio o la presenza di altre patologie che ne sconsigliano la pratica (discopatie lombari, artrosi delle anche, delle ginocchia e delle caviglie). Una volta avuto il suo benestare, sarà bene stilare un programma nel quale giorno dopo giorno vengano indicati la durata della corsa e la lunghezza del tragitto. I medici suggeriscono di partire dagli iniziali dieci minuti di corsa lenta e continua per arrivare ai 35 minuti. Tali tempi vanno ovviamente ridotti in proporzione alla pendenza del percorso e …all’età. E’ però bene scegliere l’abbigliamento più idoneo:  una leggera maglietta di cotone, calzoncini, calzini di cotone morbido e scarpe  con buona soletta per ammortizzare l’appoggio plantare. Durante la corsa provate di tanto in tanto a cantare a voce possibilmente alta o a parlare con il vicino se siete in compagnia,  per controllare quanto fiato avete ancora nei polmoni: se incontrate difficoltà o avvertite affanno, significa che il vostro organismo è in riserva e sarà bene rallentare finché il respiro non sia tornato normale. Per controllare meglio lo sforzo a cui è soggetto il cuore potete acquistare in farmacia un buon misuratore della frequenza cardiaca. Utili anche gli apparecchi che vi indicano i km percorsi e le calorie consumate.




Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

18 AGO
Nei prossimi giorni caldo in aumento a causa dell'alta pressione dell'Anticiclone Nord Africano, che insisterà soprattutto al Centro e al Sud
17 AGO
L'alta pressione dell'Anticiclone Nord-Africano scatenerà una nuova ondata di caldo, comunque meno intensa della precedente
16 AGO
L'avanzata dell'alta pressione africana porterà in alto le temperature nell'isola, e poi nei giorni successivi anche in altre regioni
15 AGO
Il graduale ritorno dell’alta pressione renderà il tempo stabile, senza far salire eccessivamente le temperature
19 AGO
Clamoroso  insuccesso dei Climatologi
Science
19 AGO
Clamoroso  insuccesso del Climatologi
9 AGO
Rogo a Faenza, ventilazione variabile e la nube di fumo si sposta a Sud Est.
9 AGO
Le correnti dai quadranti nord occidentali sospingeranno la colonna di fumo nero verso sud, sud-est in direzione della costa romagnola